Si chiede di accelerare in Parlamento

Poteri speciali per Roma Capitale, Fi: «Serve una legge costituzionale per cambiare passo»

Tajani, Brunetta, Calabria e Gasparri hanno ribadito la richiesta di una normativa che consenta di investire in rigenerazione urbana, digitalizzazione, trasporti

di N.Co.

Il Colosseo illuminato con il Tricolore Italiano (Agf/Alessandro Serranò)

3' di lettura

Poteri speciali alla Capitale d’Italia. In occasione del Natale di Roma Forza Italia ha ribadito la necessità di “Una legge costituzionale per Roma Capitale”, nel corso di un convegno organizzato dagli azzurri. «Roma deve essere una vera capitale europea», ha detto il coordinatore nazionale di Forza Italia Antonio Tajani. «Roma non può proprio essere diversa dalle altre capitali europee che hanno un ruolo diverso, poteri legislativi diversi, quasi come fossero città-Stato. Anche Roma deve essere così, non è come le altre città», ha sottolineato Tajani. Con una legge costituzionale ad hoc, ha spiegato, «Roma avrebbe una visione diversa. In questi anni è stata maltrattata. Roma è un fiore all'occhiello, deve tornare protagonista anche dal punto di vista culturale, del turismo, deve cambiare passo».

Brunetta: «Momento strategico per una legge costituzionale»

Sulla stessa linea d’onda il ministro per la Pubblica amministrazione Renato Brunetta, che ha sottolineato come sia proprio questo il momento per dotare la Capitale di poteri speciali. «Stiamo chiudendo il Pnnr (Piano nazionale di ripresa e resilienza ndr), arriveranno 200 miliardi dall’Europa, altri 30 o 40 il governo li ha recuperati nei fondi di investimento. Questo significa che nei prossimi 5 anni avremo 240 miliardi di euro per le risorse pubbliche, una quantità enorme di denaro da spendere. Da qui il nostro interesse per una legge costituzionale su Roma. Si deve partire con quelle risorse dalla Capitale». Per il ministro una legge costituzionale per Roma - che «è la nostra Capitale, è un hub di Governo delle istituzioni, il grande cervello del nostro paese» - si colloca «in un momento strategico e straordinario. Potremmo sperimentare, con risorse adeguate, una quantità di progetti di investimenti finalizzate alla rigenerazione urbana, investimenti di rete, nel centro e nelle periferie, per la gestione dei rifiuti, per la qualità vita, per l'ambiente, per la digitalizzazione, per migliorare i trasporti. Roma, di fatto, può davvero assorbire una quantità importante di risorse».

Loading...

Calabria: «Siamo vicini all’adozione di un testo base»

In Parlamento sul tema sono stati presentati undici disegni di legge. «Il clima di volontà politica trasversale che si respira in Commissione Affari costituzionali sulla riforma di Roma Capitale - ha detto la deputata di Forza Italia Annagrazia Calabria, relatrice della proposta di legge costituzionale sulla modifica dei poteri della Capitale in commissione a Montecitorio - è un'occasione da sfruttare al meglio: la maggioranza allargata, che si è costruita per rispondere all'emergenza pandemica, può riproporsi anche per cambiare i poteri di Roma in Costituzione e sul punto sono certa troveremo il consenso anche da parte di FdI che è all'opposizione». Sul tavolo varie proposte di legge, a partire da quella di Forza Italia, a prima firma Paolo Barelli, «che raccoglie una nostra battaglia storica, condotta sin dal 2009 con il governo Berlusconi. Sono convinta - ha detto la deputata azzurra - si possa arrivare in breve tempo all'adozione di un testo base. L'obiettivo è riconoscere una specificità normativa che adegui Roma alle altre capitali europee».

Gasparri: «Dotare Roma di poteri adeguati, come le regioni»

« Oggi è il Natale di Roma, un tempo era la grande festa, ma oggi, sia per le condizioni generali della pandemia, sia per le condizioni della città stessa, amministrata in maniera inadeguata, questa ricorrenza è un po' uscita dall'agenda e dalle abitudini», ha detto il commissario di Forza Italia Roma Capitale e senatore Maurizio Gasparri. «La nostra proposta - ha spiegato Gasparri - è di rango costituzionale, devono essere dati a Roma poteri e risorse simili a quelli delle regioni. Lo abbiamo anche proposto a Draghi. Roma è un hub di civiltà, una porta che si apre sulla storia. La questione legislativa, se non si coniuga al percorso della e nella storia di Roma, non si comprenderebbe. La Capitale è tale proprio perché ha millenni di storia alle spalle».

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti