Milano, giorno 2

Prada: la bellezza in pochi capi. Emporio Armani dà il ritmo

La settimana della moda prosegue con l’eleganza assoluta e artistica di Max Mara e Roberto Cavalli che con Fausto Puglisi torna sul sexy a ogni costo. Travolge l’energia di Sunnei

di Angelo Flaccavento

Prada AI 22-23

3' di lettura

Dovevamo rallentare, e invece si corre più di prima. La natura umana è decisamente poco incline al cambiamento, ma meglio gettarla in burla che in amatemi moraleggianti. Nella seconda giornata di sfilate milanesi, sono Simone Rizzo e Loris Messina, alias Sunnei, a rubare la scena con uno show pungente, che altro non è se non una parodia delle “sprintate”, corse eccessive, da uno show all’altro: un classico da fashion week che lo iato digitale ha sospeso per due anni, e che adesso ritorna alla grande. La moda di Sunnei sembra un gioco Playmobil: colori primari, volumi in addizione, spirito ludico. Addosso ai modelli che corrono a perdifiato, si carica di una energia travolgente, in un momento di sospensione che coinvolge regalando un sorriso.

Prada, il “carpe diem” della bellezza

Prada, il “carpe diem” della bellezza

Photogallery19 foto

Visualizza

E dove è diretto cotanto accelerare? Alla sfilata dopo, che è Prada e non si può mancare. Qui, a causa della presenza di Kim Kardashian tra gli invitati, la calca dei curiosi è esagerata, ululante. I tempi cambiano: una volta a queste altezze dell’empireo modaiolo difficilmente ci si sarebbe impastati con il nazional popolare, seppur globale, e invece adesso lo si fa e la decisione nemmeno appare incongrua. La sfilata è una riflessione sulla idea di bello - chimera mobile per afferrare la quale si muove l’intero indotto fashion - condensata attraverso una etimologia di pochi capi - la giacca maschile, il cappotto, l’abito matronale, la gonna, la canotta - che fanno parte di un repertorio e di un immaginario condivisi. Miuccia Prada e Raf Simons, direttori creativi, offrono sollievo alle incertezze del momento attingendo alla storia - alla stessa storia di Prada, invero, con effetti deja-vu - per ricontestualizzare il passato nel presente. Se l’operazione non è originale, il risultato è comunque potente e le donne Prada emanano un erotismo algido e bollente.

Loading...
Emporio Armani, il fascino del personale fra grigi e colori

Emporio Armani, il fascino del personale fra grigi e colori

Photogallery27 foto

Visualizza

Da Emporio Armani l’azione si fa ritmica. Su una passerella optical a scacchi bianconeri, la sfilata è un dialogo co-ed tra la collezione uomo, tutta grigi e disegnature macro, e la collezione donna, tutta colore e astrazioni vivaci. Da una parte sono silhouette decise, con i grandi cappotti e le giacche vestaglia dal sapore militare, dall’altro piccole giacche con mostrine, e abiti sovente corti. L’alternanza intrattiene, ma la disparità tra le due prove è chiara, ed è l’uomo a vincere, più teso e metropolitano laddove la donna appare a volte quasi leziosa, aggettivo anatema per Armani.

Cavalli, eccentricità per tornare a divertirsi

Cavalli, eccentricità per tornare a divertirsi

Photogallery30 foto

Visualizza

La sessualità soverchia del sexy ad ogni costo è così anacronistica da non esserlo più, e nessuno la fa meglio di Fausto Puglisi, che da Roberto Cavalli esplora sfumature di sfrontatezza che vanno dal quasi perbene di broccati e tartan, al nero e i maculati. La collezione, però, deraglia in troppe direzioni, e la coerenza del messaggio si perde.

Da Blumarine, Nicola Brognano esplora una nota più voluttuosa e meno acidula o frou frou della seduzione, ma sempre di remix dell’archivio si tratta. Daniel Del Core asciuga l’enunciato senza rinunciare alle ispirazioni naturali - le falene, in questo caso - e segna un passo avanti.

Max Mara, un inverno fiabesco e modernista

Max Mara, un inverno fiabesco e modernista

Photogallery13 foto

Visualizza

La donna di Max Mara è di una eleganza assoluta nel suo pragmatismo che le fa scegliere cappotti cammello, giacche over e gonne lunghissime. Si copre molto, non si trucca affatto e, vogliono le note di accompagnamento, si ispira al modernismo dell’artista dadaista Sophie Taeuber-Arp. Ma questo è forse solo borbottio da storytelling, lo stesso di cui si burla MM6 Maison Margiela, evitando i racconti astrusi per proporre vestiti e basta, ossia bel materiale per la performance quotidiana dell’abbigliarsi.

Nel mentre, a Milano si affaccia sulla scena una nuova guardia di creativi, di età e inclinazioni differenti: Andrea Adamo, la cui glorificazione del corpo eccita, ma mostra un troppo chiaro debito con Alaïa; AC9, il bel progetto di Alfredo Cortese i cui taglienti contrasti di languido e abrasivo sono ancora evidentemente vicini all’idioma del suo mentore, Alessandro Dell’Acqua; Marco Rambaldi, così preso dal seguire l’inclusività di maniera del momento da dimenticarsi di fare i vestiti. Il suo show diverte e fa pensare, ma sembra realizzato con pezzi pescati al mercato della Montagnola, e per questo appare pigro.

Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti