Milleproroghe

Prescrizione, la minaccia dei renziani: pronti a sfiduciare Bonafede

Italia viva resta contraria alla riforma. «Se il ministro Bonafede insisterà con questa forzatura, riceverà una bella mozione di sfiducia» dice Giachetti. Per M5s replica Crimi: «Se Iv intende aprire una crisi di governo, lo dica chiaramente»

di Andrea Gagliardi


default onloading pic
(ANSA)

2' di lettura

Alta tensione nella maggioranza sulla prescrizione. Italia Viva
minaccia la mozione di sfiducia al ministro Bonafede. M5s, con
Crimi, replica che così sarebbe la crisi. Il governo intanto stringe sul lodo Conte bis sulla prescrizione e, in particolare, sull'emendamento al Milleproroghe che includa la mediazione M5s-Pd-Leu.

Le incognite sull’ammissibilità dell’emendamento
In queste ore sono diversi i contatti tra gli uffici legislativi del governo che si occuperanno della composizione dell’emendamento sul lodo Conte bis (prescizione distinta per assolti e condannnati: per i primi la prescrizione cammina, per i condannati si blocca. Definitivamente se condannati amche in appello; se assolti scatta un bonus, ndr). E fonti della maggioranza non escludono che il governo potrebbe anche informare il Quirinale della sua decisione dato che, sull'ammissibilità dell'emendamento, resta più di un’incognita.

Iv pronta a mozione di sfiducia per Bonafede
Matteo Renzi, intanto, insiste nell’opporsi alla riforma. «Per giorni hanno detto che Italia Viva avrebbe mollato e che mi sarei venduto per due poltrone - scrive su Facebook - FAKENEWS! Non si molla! Se davvero presenteranno decreto o emendamento su prescrizione noi voteremo contro». «Se Bonafede insisterà con questa forzatura, riceverà una bella mozione di sfiducia», avverte Roberto Giachetti. Ipotesi rilanciata da fonti Iv: «Se ci sarà la richiesta di un voto di fiducia sul Governo, Iv rilancerà sulla mozione di sfiducia al Senato a Bonafede».

Franceschini: minaccia Iv è a tutto governo
Una presa di posizione che non piace affatto al Pd. «Se un partito di maggioranza minaccia di sfiduciare un ministro, sta minacciando di
sfiduciare l'intero governo». Così risponde Dario Franceschini a
chi gli chiede della minaccia di Iv di sfiduciare il ministro
Alfonso Bonafede dopo la rottura sulla prescrizione.

Crimi: se Iv vuole lo crisi lo dica
Replica a stretto giro anche Vito Crimi, capo politico reggente del M5s: «Qualcuno oggi tra le fila di Italia Viva chiama in causa il ministro Bonafede con accenti totalmente fuori luogo. Gli attacchi e le costanti minacce sono inaccettabili: se intendono aprire la crisi di governo lo si
dica chiaramente e si faccia secondo modi e procedure istituzionali. A quel punto gli italiani sapranno chiaramente chi vuole fare il loro interesse e chi no» afferma il capo politico del Movimento 5 Stelle Vito Crimi, definendo «di buon senso» l'accordo raggiunto tra Pd, M5S e Leu venerdì scorso.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...