lo studio ocse

Pressione fiscale in calo nel 2016 ma l’Italia resta sesta

di Vittorio Da Rold

default onloading pic
(LaPresse)


2' di lettura

La pressione fiscale in Italia scende al 42,9% del Pil nel 2016, rispetto al 43,3% del 2015. Ma niente festeggiamenti: il fisco italiano resta uno dei più rapaci al mondo, si mantiene al di sopra della media Ocse (34,3%). Il Belpaese resta nella parte alta della classifica dell’Organizzazione parigina, confermandosi alla sesta posizione fra i paesi dell'area dopo Danimarca (45,9%), Francia (45,3%), Belgio (44,2%), Finlandia (43,1%) e Svezia (44,1%). A certificarlo è l’Ocse nel rapporto annuale Revenue Statisticsdei 35 Paesi membri. Insomma paghiamo come gli svedesi, ma c’è da chiedersi se abbiamo in cambio la stessa qualità e numero di servizi.

La disciplinata Germania è solo 12esima con il 37,6%, gli Stati Uniti (dove il presidente Trump vuole tagliare ancora le tasse) sono verso il fondo della graduatoria con il 26%, mentre il fisco più leggero del club dei Paesi industrializzati è in Messico, con appena il 17,2% del Pil. La media Ocse nel 2016, peraltro, è salita di 0,3 punti rispetto al 34% del 2015 e segna il nuovo massimo dal 1965, anno a cui risalgono i primi dati. Sono 20 i Paesi avanzati in cui è salita la pressione fiscale nel 2016 e l’incremento maggiore riguarda la Grecia (+2,2 punti al 38,6% spinta dalla troika in rappresentanza dei creditori internazionali) e l’Olanda (+1,5 punti al 38,8%). Il fisco è, invece, diventato più leggero soprattutto in Austria (-1% punti al 42,7% e probailmente questo trend continuerà con il nuovo esecutivo di Sebastian Kurz) e Nuova Zelanda (32,1%, -0,9 punti). In Italia, l’annus horribilis per il contribuente è stato il 2013 (44,1%), mentre quello meno gravoso è stato il 2005 (39,1%). Per memoria nel 1965 (durante il Miracolo economico) le tasse nel Belpaese erano pari al 24,7% del Pil, addirittura sotto la media Ocse (24,8%). Altri tempi.

Sulla base del reddito nazionale lordo, la tassazione pro-capite nel 2015 in Italia ammontava a 16.133 dollari a parità di potere d’acquisto, circa 2mila dollari più della media Ocse (14.376 dollari), in aumento dai 15.775 dollari del 2014 e dagli 11mila del 2000.

Cresce il peso dell’imposizione locale rispetto a quella centrale. Nel 2015 alle casse governative è andato il 53,1% degli introiti, meno della media Ocse (67%). Per contro gli enti locali sono saliti al 16,5% della tassazione complessiva dal 5,4% del 1965. Insomma una partita di giro con il contribuente sempre a sborsare la stessa cifra.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti