Riciclo

Prestito obbligazionario da 265 milioni per Relife

Il fondo Pemberton ha sottoscritto l’emissione. Servirà al gruppo italiano per acquisire Plastipoliver e General Packaging ma anche per altre operazioni di m&a

di Raoul de Forcade

1' di lettura

Il fondo europeo di debito Pemberton ha sottoscritto l’emissione di un prestito obbligazionario di 265 milioni di euro interamente dedicato allo sviluppo e alla crescita di Relife, gruppo specializzato nella raccolta, nella trasformazione e nel riciclo dei rifiuti, che opera principalmente con piccole, medie e grandi aziende e con società di servizi ambientali.

Relife, spiega una nota, è stata finanziata attraverso un’emissione obbligazionaria quotata alla Borsa di Vienna, da fondi gestiti da Pemberton asset management che ne hanno sottoscritto l’intero importo. I fondi saranno in parte utilizzati per perfezionare le già annunciate acquisizioni (si veda Il Sole 24 Ore del 24 giugno scorso) del gruppo Plastipoliver, specializzato nel recupero, trattamento e riciclo di materiali plastici, e del gruppo General Packaging, produttore di scatole in cartone ondulato realizzate con carta riciclata.

Risorse per altre acquisizioni

La restante parte è messa a disposizione di Relife per finanziare ulteriori acquisizioni nel mondo dell’economia circolare, all’interno di un percorso di crescita dell’azienda iniziato nel 2014. Il finanziamento, infatti, prosegue la nota, «si inquadra nel più ampio programma di sviluppo intrapreso dal gruppo Relife, che ha permesso la creazione di una integrazione industriale, unica in Italia, finalizzata a generare il massimo valore nella filiera del riciclo».

Loading...

I partner finanziari

Relife è stato assisto da Rothschild & Co nella strutturazione del finanziamento e nella selezione del partner finanziario, e dallo studio legale Pavia & Ansaldo nella definizione della contrattualistica. Pemberton e Banca Finanziaria Internazionale, in veste di security agent, paying agent e rappresentante dei sottoscrittori, sono stati assistiti dallo studio legale Linklaters.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti