ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùImmobiliare

Prezzi delle case in calo e mutui in picchiata: 2023 di crisi nel Regno Unito

Il forte rialzo dei tassi della banca centrale manda al tappeto il mercato : le banche chiudono i rubinetti dei prestiti. Il costo degli immobili scenderà dell’8% nel nuovo anno

di Simone Filippetti

(janez964 - stock.adobe.com)

3' di lettura

Prezzi delle case in discesa e mutui in picchiata. Sono gli effetti, nel Regno Unito, del brusco rialzo dei tassi di interesse che in meno di un anno sono passati dallo 0,25% al 3,5% . La prima sarebbe pure una buona notizia, visti i costi esagerati degli immobili nel paese, soprattutto a Londra; se non fosse che ottenere un mutuo è ormai sempre più difficile nel paese. E senza mutuo, quasi nessuno può permettersi di comprare casa, anche se il prezzo scende. Ma il prezzo scende proprio perché le banche stanno chiudendo i rubinetti dei prestiti casa. E' un circolo vizioso, o meglio uno dei tanti effetti dell’esplosione, dopo 10 anni, della bolla del denaro a costo zero, bolla alimentata da Bce, Fed e Banca d’Inghilterra.

Mutui ai minimi

Le approvazioni di mutui nel Regno Unito sono scese al livello più basso da oltre due anni. lo scorso novembre, poiché l’inflazione galoppante e l’aumento dei costi per avere un prestito hanno messo a dura prova le famiglie che vogliono comprarsi una casa. La Banca d’Inghilterra ha rivelato che le stipule di mutui sono scese a 46.100 nel penultimo mese dell’anno, in calo rispetto alle 57.900 del mese precedente, al livello più basso da giugno 2020, quando la pandemia aveva bloccato il mercato immobiliare.

Loading...

Turbolenze sul mercato immobiliare

Il forte calo ha sottolineato le turbolenze nel mercato immobiliare del Regno Unito, innescate dal “mini” bilancio di fine settembre dell’allora primo ministro Liz Truss , che ha spinto alcuni istituti di credito a ritirare i mutui per la casa, ma in realtà poi dovute al rialzo dei tassi di interesse che rende i mutui inaccessibili per molti. Gli esperti, consultati dall'agenzia Reuters, si attendendevano un dato di 55.000 stipule. Con le banche che concedono meno mutui, il mercato va in sofferenza. Nell'appena chiuso dicembre, il prezzo medio delle case nel Regno Unito è sceso per il quarto mese consecutivo a dicembre, secondo la banca Halifax, con gli esperti che si aspettano un ulteriore rallentamento in mezzo a una lunga recessione.I valori degli immobili sono diminuiti dell’1,5% a dicembre, dopo un calo del 2,4% a novembre, un calo dello 0,4% a ottobre e uno 0,1% a settembre.Il tasso annuo di crescita dei prezzi delle abitazioni si è più che dimezzato, al 2% a dicembre, dal 4,6% di novembre. Al momento il tasso di crescita annuale dei prezzi è il più basso da ottobre 2019. Il mercato immobiliare del Regno Unito ha attraversato un periodo volatile negli ultimi mesi.

Arriva la recessione

La Banca d’Inghilterra ha aumentato i tassi di interesse nove volte nell’ultimo anno e ritiene che il paese sia già entrato in quella che potrebbe essere la recessione più lunga degli ultimi 100 anni. I contribuenti obbligati a rifinanziare i loro prestiti sono tra i più colpiti dalla crisi del costo della vita, dopo che molti hanno visto aumentare le loro bollette annuali di oltre 3.000 sterline all’anno.In tutto il Regno Unito il prezzo medio delle case a dicembre è stato di 281.272 sterline. Questo è stato del 4,3% al di sotto del massimo storico di quasi 294.000 sterline ad agosto. A preoccupare, però, è il futuro: per il 2023 il prezzo delle case è atteso in calo dell’8%, un crollo che non si vede da decenni nel Regno Unito. Non tutto il male viene per nuocere, come dice il proverbio: a quel punto però i prezzi torneranno a essere più accessibili e magari il mercato ripartirà.


Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti