Case all’asta, come trovare l’affare ed evitare i rischi

7/12Casa e Condominio

Prezzo di partenza e perizia

default onloading pic

Prima di cimentarsi con un'asta immobiliare occorre conoscerne gli elementi peculiari. A cominciare dal prezzo di partenza (o prezzo “base”) con cui il bene è messo in vendita, accertato da un perito nominato dal giudice delle esecuzioni, che compie un sopralluogo raccogliendo tutte le informazioni essenziali: planimetria, dati catastali, stato di salute, abusi edilizi (e relativi costi per sanarli), servitù, vincoli e anche le morosità del vecchio proprietario nei confronti del condominio. In quest'ultimo caso sarà scritta nero su bianco anche la somma complessiva che chi si aggiudica il bene dovrà versare all'amministratore per estinguere il debito.

Consultando la perizia, inoltre, è possibile sapere se l'immobile è occupato e, se così fosse, in forza di quale accordo (contratto di locazione, comodato e altro). La perizia può essere visionata da ciascun soggetto interessato, che può recarsi alla cancelleria del Tribunale oppure presso lo studio del delegato, del custode o collegandosi a internet. Una volta fissato il prezzo base, con l'ordinanza di vendita il giudice stabilisce le condizioni e i termini dell'asta, delegando le operazioni di vendita a un professionista: avvocato, commercialista o notaio. In attesa del nuovo proprietario, il bene è amministrato dal custode giudiziario, a cui bisogna rivolgersi per avere qualche informazione in più sull'immobile e per visitarlo.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti