grandi patrimoni

Prodotti Esg e più attenzione ai costi, anche per i paperoni cambiano le priorità

Ma il servizio più chiesto dai giovani Ultra HNWI (chi ha ricchezze sopra i 30 milioni) è la consulenza negli investimenti immobiliari. Secondo Capgemini rispetto a dicembre 2019 la ricchezza finanziaria (74mila miliardi) ad aprile subisce un calo tra il 6 e l’8% per effetto Covid-19

di Lucilla Incorvati

default onloading pic
(AdobeStock)

Ma il servizio più chiesto dai giovani Ultra HNWI (chi ha ricchezze sopra i 30 milioni) è la consulenza negli investimenti immobiliari. Secondo Capgemini rispetto a dicembre 2019 la ricchezza finanziaria (74mila miliardi) ad aprile subisce un calo tra il 6 e l’8% per effetto Covid-19


6' di lettura

Il 2020 e l’impatto Covid 19 lascerà un segno anche tra i super ricchi, più noti come HNWI (high net worth individuals). Dopo un anno di crescita importante per questo segmento (chi ha ricchezze finanziarie sopra il milione di dollari americani), che soprattutto in Nord America e Europa per la prima volta dopo 8 anni registra una crescita maggiore dell'Asia-Pacifico, i primi mesi del 2020 segnano una battuta d’arresto. Ma i trend in atto legati a questo target sono destinati a crescere. In primis, il forte interesse per gli investimenti sostenibili, la valutazione delle commissioni (fee) e la ricerca di offerte iper-personalizzate. Sono queste alcune delle principali evidenze del World Wealth Report 2020 di Capgemini

La geografia della crescita

Secondo Capgemini nel 2019 la popolazione di High Net Worth Individual (HNWI) e la relativa ricchezza sono aumentati di quasi il 9% a livello globale, nonostante il rallentamento dell'economia mondiale, la guerra dei dazi e le tensioni geopolitiche. In particolare Nord America e in Europa crescono rispettivamente dell'11% e del 9%, percentuali che – per la prima volta dal 2012 - hanno superato quelle dell'area Asia-Pacifico (8%). Il Nord America da sola, rappresenta il 39% dei guadagni della popolazione di HNWI e il 37% della crescita della loro ricchezza accumulata nell'anno precedente. La performance europea ha superato quella dell'Asia-Pacifico e dell'America Latina, con popolazione e ricchezza degli HNWI in crescita di quasi il 9%. Nonostante la solida performance di mercato di diversi paesi asiatici (tra cui Hong Kong, Cina e Taiwan), lo scorso anno l'APAC ha registrato una crescita complessiva dell'8%, al di sotto del tasso di crescita medio globale degli HNWI del 9%. Stati Uniti, Giappone, Germania, Cina e Francia hanno continuato ad essere i primi cinque paesi per totale HNWI nel 2019, e hanno rappresentato più del 67% della crescita globale di individui HNWI.

Effetto Covid

Secondo i report del World Federation of Exchanges, la pandemia ha eliminato più di 18mila miliardi di dollari dai mercati globali tra febbraio e marzo 2020, prima della leggera ripresa registrata ad aprile. Così, secondo Capgemini, a livello mondiale questa popolazione che nel 2019 aveva raggiunto quasi i 20 milioni di individui (19,6 con esattezza) e ricchezze pari a 74mila miliardi di dollari, ha subito ad aprile 2020 un calo della ricchezza globale tra il 6% e l'8% (rispetto a dicembre 2019).

La forza delle azioni Usa, la debolezza delle valute emergenti

Le azioni USA hanno realizzato ritorni robusti nel 4° trimestre del 2019, quando si sono dissolte le incertezze sul quadro degli scambi commerciali tra gli Stati Uniti e la Cina. I mercati hanno beneficiato delle misure adottate dalla Federal Reserve americana, che ha fatto fluire miliardi di dollari nel sistema finanziario. I risultati sono stati aiutati anche dall'ottimismo sulle società tecnologiche. Le banche centrali europee hanno sostenuto i mercati azionari dell'Eurozona facendo un passo indietro rispetto alle politiche più restrittive inizialmente previste. Prima che il coronavirus cominciasse a colpire la Cina alla fine del 2019, il paese ha riaffermato il suo impegno a espandere i propri mercati e migliorare il mercato interno per le società straniere, a seguito di una tregua commerciale con gli Stati Uniti. La mossa ha attratto l'attenzione degli investitori internazionali al mercato equity cinese delle - uno dei più grandi al mondo - con un valore totale di 7.903 miliardi di dollari. Altri importanti mercati asiatici - India, Corea del Sud e Singapore - hanno registrato un debole progresso nel 2019, che ha portato ad una crescita sotto la media del numero di individui e della ricchezza HNWI per l'intera regione. Le performance anemiche in questi mercati sono state il risultato del rallentamento dell'economia locale e l'indebolendo le valute locali.

In Italia quasi 300milia milionari

Secondo CapGemini in Italia i milionari nel 2019 erano circa 300mila individui (298.500) cresciuti del 8,4% rispetto al 2018 con una ricchezza complessiva di 581miliardi di dollari Tra i fattori che hanno contribuito positivamente alla crescita dei milionari italiani ci sono la capitalizzazione di mercato, aumentata del 28,3% nel 2019 (era diminuita del 7.6% nel 2018) Il risultato è stato raggiunto anche per le misure espansive della Bce, che hanno pompato capitali nel sistema finanziario. I risparmi come percentuale del Pil hanno raggiungo il 20.9% nel 2019 (era 20.8% nel 2018) e poi l’aumento deI prezzo degli immobili cresciuti del 2.7% nel 2019 (erano cresciuti dello 0.8% nel 2018)


Covid e nuove priorità

Con la pandemia le priorità di investimento sono mutate: gli investimenti sostenibili - alla base delle iniziative ambientali e sociali - stanno assumendo un ruolo di primo piano. «Di fronte all'attuale situazione di eccezionale incertezza, i wealth manager e le aziende si trovano a navigare in acque inesplorate», ha dichiarato Monia Ferrari, Financial Services Director di Capgemini Business Unit Italy. «Nonostante le fonti di incertezza, questo periodo può anche presentare delle opportunità per le aziende, spingendole a rivalutare e reinventare i propri modelli operativi e di business per divenire più agile e resilienti. L'analytics e l'automazione, così come le tecnologie emergenti come l'intelligenza artificiale, possono consentire alle aziende di migliorare i ricavi attraverso una migliore customer experience, riducendo al contempo i costi grazie alla razionalizzazione dei processi»

Più investimenti sostenibili in portafoglio

Gli investimenti sostenibili e i servizi a valore aggiunto stanno guadagnando terreno Il crescente interesse per gli investimenti sostenibili (IS) sta generando, per le aziende, opportunità ad alto potenziale di engagement. Nel segmento degli ultra-HNWI , invece, gli investimenti sostenibili stanno vivendo un'eccezionale momentum. Il 27% degli HNWI ha espresso interesse per i prodotti IS, mentre il 40% degli ultra-HNWI si è detto disposto a investire in sostenibilità.Gli HNWI prevedono di destinare il 41% del loro portafoglio ai prodotti IS entro la fine del 2020 e il 46% entro la fine del 2021. Le società di wealth management hanno preso atto di questa tendenza e sono pronte a soddisfare tale domanda, tanto che attualmente l'80% delle società del comparto offre già opzioni per gli investimenti sostenibili. I fondi focalizzati sugli investimenti socialmente responsabili sono stati un faro nell'attività di mercato del 2020, e se da un lato gli investimenti degli HNWI nel settore riconoscono l'impatto socio-ambientale, dall'altro vediamo che questo interesse è spinto dal valore finanziario. Le ragioni principali che spingono l'interesse degli HNWI verso gli investimenti sostenibili sono i rendimenti più elevati e i rischi più bassi - il 39% si aspetta di ottenere rendimenti più elevati dai prodotti IS, mentre il 33% considera gli IS una tipologia di investimenti solidi e, al contempo, meno speculativi. È interessante notare che già il 26% degli HNWI afferma di voler offrire il proprio contributo positivo alla società.L'iper-personalizzazione è necessaria per soddisfare le aspettative in continua evoluzione L'imprevedibilità del 2020 è destinata a determinare le modifiche in portafoglio, nonché le crescenti aspettative dei clienti e il controllo delle fee per la consulenza.

Le commissioni non giustificano il servizio

I paperoni stanno diventando sempre più critici anche per quanto riguarda le commissioni dei gestori patrimoniali, con il 33% che afferma di non essere contento dei tassi del 2019, percentuale che dovrebbe aumentare a causa della volatilità dei mercati. Secondo il report, più di un cliente su cinque potrebbe cambiare il proprio wealth manager di riferimento l'anno prossimo, citando le commissioni elevate come principale causa nel 42% dei casi. Sembrano preferire commissioni basate sulla performance e sui servizi rispetto a quelle basate sugli asset, fattore che si traduce in una maggiore aspettativa sul valore offerto per via delle fee applicate.Le competenze digitali sono diventate un elemento centrale della continuità operativa dei wealth manager e la sfida si giocherà su questo.

Investimenti illiquidi

La crescita della ricchezza per gli ultra-HNWI (individui con asset finanziari sopra i 30 milioni) è stata inferiore alla media rispetto alla crescita della popolazione - una tendenza insolita rispetto al passato. La ragione? Chi appartiene a fasce di ricchezza più elevate spesso fa investimenti al di fuori dei mercati azionari - come il private equity - investimenti che possono essere volatili in tempi di incertezza. Dall’altro un approccio forse più cauto da parte dei super super ricchi e un'inclinazione verso il possesso di stock locali possono anche aver limitato la crescita della loro ricchezza. Tuttavia, la regione del Medio Oriente ha registrato un aumento ultra-HNWI della popolazione e della ricchezza superiori rispetto alla media globale nel 2019. Ma va anche detto che l'industria dell'energia ha fatto registrare un'impennata nel mercato azionario nel 4° trimestre 2019 con il produttore di proprietà dello stato saudita Aramco che ha raccolto 25,6 miliardi di dollari in un l'attesissima Ipo. Ultimo dato che indica il comportamento e l’interesse di questi individui: il servizio finanziario più richiesto dai giovanissimi ricchissimi (gli under 40) è la consulenza negli investimenti in real estate. Disporre di case belle e lussuose in giro per il mondo è un sogno che non sembra tramontare mai.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti