ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di più-1,8% su base annua

Produzione industriale in calo per il sesto mese consecutivo

Lieve crescita mensile ad agosto (+0,3%) per la produzione industriale che però su base annua (-1,8%) incassa il sesto calo consecutivo. Bene farmaceutica ed alimentari. In forte calo prodotti in metallo, metallurgia, mezzi di trasporto e macchinari.

di Luca Orlando


default onloading pic
(Adobe Stock)

1' di lettura

E siamo a sei. Per il sesto mese consecutivo la produzione industriale cede terreno in termini tendenziali: con il calo di agosto (-1,8%) il bilancio dei primi otto mesi dell’anno peggiora ancora e arriva a -0,9%.

Rispetto al mese precedente l’Istat stima peraltro per l’indice destagionalizzato un aumento dello 0,3%. Che ad ogni modo non modifica il segno del trimestre mobile, con il periodo giugno-agosto in calo dello 0,3% rispetto ai tre mesi precedenti.

LEGGI ANCHE / Allarme di Confindustria: senza stop all'aumento Iva, Italia a crescita zero

L'indice destagionalizzato mensile mostra aumenti congiunturali nei comparti dei beni strumentali (+0,4%) e dei beni di consumo (+0,3%); variazioni negative registrano, invece, l'energia (-0,9%) e i beni intermedi (-0,5%).
Bilancio annuo che è reso meno amaro dalla crescita dell’energia (+1,8%) e dei beni di consumo (+0,7%), mentre affondano beni strumentali (-4,9%) e beni intermedi (-3,1%).

Ad evitare il segno meno una manciata di comparti, tra cui spicca la farmaceutica, mentre prosegue il momento positivo del comparto alimentare, trainato soprattutto dall’export: ad agosto la produzione del settore cresce del 3,1%.

La flessione più ampia è per tessili, abbigliamento, pelli e accessori (-11,3%), anche se è ancora una volta l’area meccanica allargata a frenare in particolare le medie.

Metallurgia e prodotti in metallo cedono l’8,8%, quasi sette punti i mezzi di trasporto, più di cinque i macchinari. Determinante per questa macro-area il rallentamento globale del mercato dell’auto, con volumi fortemente ridotti in Germania ma anche in Cina a penalizzare fortemente i nostri componentisti.

Riproduzione riservata ©
  • default onloading pic

    Luca Orlandoinviato-caporedattore

    Luogo: Milano

    Lingue parlate: Inglese

    Argomenti: Imprese, meccanica, innovazione, export, macchinari, Industria 4.0, robot

  • Luca Orlandoinviato-capo redattore

    Luogo: Milano

    Lingue parlate: inglese

    Argomenti: imprese, meccanica, innovazione, export, macchinari e robot, Industria 4.0

Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...