crossover

Pronto il secondo atto della Renault Captur

di Massimo Mambretti


default onloading pic

2' di lettura

La seconda serie della Renault Captur è nuova da cima a fondo e nasconde sotto lineamenti aggiornati, ma non tali da segnare un punto di totale rottura con quelli del modello precedente, tantissime tecnologie all’avanguardia. Puntando sull’indole hi-tech e su vesti al passo con i tempi, oltre che marcatamente caratterizzate da stilemi da suv, la nuova Captur affronta una concorrenza che annovera una ventina di rivali e mercati in cui il modello precedente non si era mai presentato, come la Cina. Insomma, la Captur diventa globale e per assolvere al meglio il nuovo compito si irrobustisce un po’: la lunghezza passa da 4,12 a 4,23 metri, mentre mostra un’espressione quasi aggressiva nonché un lato B che la rende ben riconoscibile.

Basandosi sulla recentissima architettura Cmf-B, che ha debuttato con la nuova Clio, la nuova Captur offre un abitacolo piuttosto ampio anche nella zona posteriore e una zona di carico da 536 litri, che è paragonabile a quella di modelli di taglia ben più robusta.

A tutto ciò si aggiungono sia una presentazione dell’ambiente piuttosto ricercata e una maggiore funzionalità, dovuta alla presenza di tanti vani portaoggetti e al divano posteriore che può scorrere di 16 cm per modulare la volumetria interna a favore dell’abitacolo o del bagagliaio, sia un arredamento che imprime all’ambiente una personalità hi-tech.

Quest’ultima è impressa tanto dallo stile lineare e razionale dell’arredamento quanto dalla strumentazione digitale configurabile, che può essere da 7” o 10,2”, e dal display touch che può essere da 7” oppure verticale da 9,3” del sistema d’infotainment Easy-Link. Quest’ultimo insieme a numerose numerose funzionalità e a una connettività molto estesa offre anche la compatibilità con Apple CarPlay e Android Auto.

Il repertorio hi-tech proposto dalla Captur è completato dall’affollata suite di Adas, che genera un sistema di guida assistita di livello 2, e dalla versione E-Tech Plug-in, che arriverà nel 2020. Intanto, il nuovo suv compatto debutta con le unità sovralimentate a benzina Tce da 1 litro con 100 cv e di 1,3 litri con 130 e 155 cv e i turbodiesel dCi di 1,5 litri da 95 e 115 cv.

    Newsletter

    Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

    Iscriviti