Manovra 2022

Proroga fino a giugno per 20mila supplenti Covid

Nella legge di bilancio anche un fondo per la valorizzazione della classe docente. Agli atenei 250 milioni l’anno prossimo e 530 nel 2023

di Eugenio Bruno e Claudio Tucci

(ANSA)

2' di lettura

Per la scuola l’emergenza non è finita. Tant’è che il governo ha inserito in manovra 300 milioni per la proroga fino a giugno 2022 dei docenti Covid (ma non degli Ata): i circa 20mila prof nominati (inizialmente fino a dicembre 2021) per assicurare le lezioni in presenza. Ma alla voce istruzione spiccano pure i 30 milioni in contrattazione integrativa per la valorizzazione docente che dal 2023 diventano 260, senza sopprimere la card docente da 500 euro come sembrava in un primo momento, e gli altri 30 volti ad aumentare il servizio di scuolabus per gli alunni disabili. Trenta milioni che sono destinati a salire a 50 nel 2023, a 80 nel 2024, a 100 milioni per ciascuno degli anni 2025 e 2026 e a 120 milioni a partire dal 2027.

Le altre misure per la scuola

In attesa di capire la fetta di risorse che spetterà al comparto Istruzione e ricerca dei 310 milioni destinati nel 2022 ai rinnovi contrattuali (500 dal 2023) - su cui si veda altro articolo in pagina - degno di nota è il ritorno dell’educazione motoria alla primaria. Due ore a partire dalle classi quinte nell’anno scolastico 2022/23 e quarte nel 2023/24, da assicurare con docenti ad hoc. Per assumerli ecco 29,91 milioni per l’anno prossimo, 116,5 per il 2023 e poi via via a salire fino ai 191,28 milioni a partire dal 2033.
Completano il quadro dei finanziamenti per la scuola i 200 milioni appostati sul fondo unico per l’edilizia scolastica a partire dal 2027.

Loading...

Il pacchetto università e ricerca

Cospicue sono anche le misure destinate al sistema universitario. A cominciare da un incremento del Fondo di finanziamento ordinario (Ffo) degli atenei stimato in 250 milioni l’anno prossimi, 530 quello dopo e 750 milioni nel 2024. Una parte di queste risorse arriveranno alle università in forma vincolata. Prendiamo il 2022; dei 250 citati solo un centinaio saranno liberi. Per i restanti 165 le destinazioni già individuate sono: assunzioni di docenti, ricercatori e personale tecnico-amministrativo (75 milioni) in deroga alle facoltà assunzionali ordinarie; valorizzazione dei dipendenti degli atenei (50 milioni); cofinanziamento delle chiamate dirette di studiosi provenienti dall’estero (10 milioni), che il Dl sul Pnrr approvato mercoledì punta a semplificare; risorse extra alle Scuole superiori a ordinamento speciale (15 milioni); borse di dottorato di ricerca (15 milioni).
Accanto ai 60 milioni per il Cnr e i 90 per il Fondo ordinario degli enti di ricerca (Foe) spiccano infine altre due voci. Il rifinanziamento del Fondo italiano scienza (che dal 2023 salirà a 200 milioni e dal 2024 a 250) e l’istituzione di un nuovo contenitore (il Fondo scienze applicate) dotato di 50 milioni nel 2022, 150 nel 2023 e 250 nel 2024.

Scuola, tutti gli approfondimenti

La newsletter di Scuola+

Professionisti, dirigenti, docenti e non docenti, amministratori pubblici, operatori ma anche studenti e le loro famiglie possono informarsi attraverso Scuola+, la newsletter settimanale de Il Sole 24 Ore che mette al centro del sistema d'istruzione i suoi reali fruitori. La ricevi, ogni lunedì nel tuo inbox. Ecco come abbonarsi

Le guide e i data base

Come scegliere l’Università e i master? Ecco le guide a disposizione degli abbonati a Scuola+ o a 24+. Qui la guida all’università con le lauree del futuro e il database con tutti i corsi di laura

Lo speciale ITS

Il viaggio del Sole 24 Ore negli Its per scoprire come intrecciare al meglio la formazione con le opportunità di lavoro nei distretti produttivi delle eccellenze del made in Italy. Tutti i servizi

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter Scuola+

La newsletter premium dedicata al mondo della scuola con approfondimenti normativi, analisi e guide operative

Abbonati