Salumi

Prosciutto di Parma, produzione e vendite in calo. Boom per il preaffettato

Il 2020 si è chiuso con una riduzione del 2,2% dei prosciutti marchiati e del 5,6% le vendite nei supermercati. Export giù del 3%

di E.Sg.

2' di lettura

Il Prosciutto di Parma chiude il 2020 con una riduzione della produzione del 2,2%: i prosciutti marchiati sono stati circa 8, 7 milioni, mentre le cosce avviate alla produzione sono state 7,8 milioni in diminuzione del 10% rispetto al 2019. Le vendite del Parma in Italia nei supermercati sono diminuite del 5,6%, mentre le esportazioni sono riuscite a contenere almeno in parte la crisi con un calo del 3% e 2,5 milioni di prosciutti esportati.Il segmento del preaffettato ha registrato un aumento del 21%, ma non è riuscito a compensare il calo generale poiché il preaffettato rappresenta solo il 10% del totale delle vendite.

«La pandemia – comunica il Consorzio – ha messo a dura prova il comparto e in particolare quelle imprese che si rivolgono al sistema della ristorazione (horeca): il protrarsi della chiusura di questo canale e le difficoltà del banco taglio nella gdo soprattutto nella prima parte del lockdown hanno determinato un significativo calo delle vendite con forti ripercussioni anche sulla produzione».

Loading...

Il calo del mercato e la chiusura dei ristoranti

«La pandemia ha indubbiamente accelerato un trend che era già in corso da diversi anni ovvero la crescita del Prosciutto di Parma preconfezionato – ha commentato il presidnete del Consorzio Vittorio Capanna – favorita non solo dall'effetto del confinamento, ma anche da prezzi particolarmente bassi e dall'allungamento della shelf-life della vaschetta, un aspetto fondamentale per i Paesi più lontani».

L’obiettivo dichiarato del Consorzio «sarà proprio quello di consolidare i brillanti risultati del preaffettato continuando a investire e fidelizzando quei consumatori che hanno deciso di acquistare il Parma in vaschetta».

«Il 2021 si preannuncia ancora difficile – ha aggiunto il presidente –  almeno nella prima parte dell'anno, ma si notano comunque i primi segnali di ripresa della domanda che con la riapertura della ristorazione e del settore alberghiero, si spera, porteranno a una crescita dei prezzi all'ingrosso attualmente ancora non remunerativi».

All’estero il 30% dei prosciutti

Nel 2020 sono stati esportati 2, 5 milioni di Prosciutti di Parma, pari al 29% dei prosciutti marchiati, per un fatturato stimato di 260 milioni di euro.Grazie al forte incremento dell'affettato, gli Usa riescono a contenere la crisi con 572mila prosciutti esportati (-5%) e si confermano il primo mercato per le esportazioni; segnano una variazione negativa invece la Germania (-11%), la Francia (-13%), il Giappone (-11%) e il Canada (-26%). Molto bene i mercati del centro nord Europa – in particolare i Paesi Bassi (+23%) – che hanno beneficiato degli eccezionali risultati dell'affettato e, fra i Paesi d'oltreoceano, l'Australia mostra un forte recupero (+45%).

Boom del preaffettato

Per la produzione del Prosciutto di Parma in vaschetta sono stati affettati circa 2 milioni di prosciutti pari al 22,8% della produzione, per un totale di 97 milioni di confezioni.In Italia si concentra il 29% delle vendite, mentre le esportazioni, che coinvolgono oltre 84 Paesi, assorbono il restante 71%.
Tutti i principali mercati del Parma sono in crescita: quello italiano registra un incremento del 32% e le esportazioni del 17%.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti