made in italy

Prosecco da record nell’anno del Covid: superati i 500 milioni di bottiglie

Nonostante la chiusura di bar e ristoranti, la Doc veneta nel 2020 ha aumentato le vendite del 2,8%

default onloading pic
(Ekaterina_Molchanova - stock.adobe.com)

Nonostante la chiusura di bar e ristoranti, la Doc veneta nel 2020 ha aumentato le vendite del 2,8%


1' di lettura

Il Prosecco raggiunge il traguardo storico dei 500 milioni di bottiglie. E lo fa proprio in un anno difficile come il 2020, in cui la pandemia ha tagliato le gambe ai consumi di vino nei bar e nei ristoranti. con la chiusura dei bar e dei ristoranti. Per la Doc l’anno appena terminato si è chiuso con una crescita del 2,8% rispetto ai volumi certificati nel 2019: in valori assoluti, vuol dire un incremento di poco inferiore ai 14 milioni di bottiglie. «Questo risultato – ha commentato il presidente del Consorzio, Stefano Zanette – ci ha fatto riflettere anche sulle motivazioni che, anche in un'annata difficile come questa, hanno determinato il favore del consumatore nei confronti delle nostre produzioni». Tra queste, per esempio, c’è il lancio della versione rosé, che nonostante il Covid ha fatto registrare una produzione di 16,8 milioni di bottiglie, in linea con le previsioni.

«Questo traguardo storico - ha aggiunto Zanette – però non costituisce un punto d'arrivo. Sono molte le sfide che ancora ci attendono, a cominciare dalle azioni, già avviate da tempo, per migliorare la sostenibilità ambientale e sociale dell'intero territorio della Doc Prosecco. Vogliamo che questa regione diventi un punto di riferimento a livello internazionale per una vitivinicoltura sostenibile, dove la sostenibilità non sia uno slogan ma un impegno tangibile lungo tutte le fasi della filiera produttiva.

Loading...


Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti