ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùBorsa Amsterdam

Prosus vola, spinta da conti 2022, cessioni e buyback

L’esercizio al 31 marzo scorso è stato chiuso con un aumento dei ricavi del 24% a 35,6 miliardi di dollari

di Giuliana Licini

2' di lettura

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Prosus corre alla Borsa di Amsterdam, che ha accolto molto favorevolmente i conti del 2022, la vendita della partecipazione in Jd.com e l’intenzione di alleggerire la quota nella cinese Tencent per finanziare un buy-back. Il titolo della multinazionale olandese, tra i maggiori investitori tecnologici del mondo, attorno alle 12,00 mette a segno un progresso del 14,85% a 60,83 euro, il maggiore dell’indice Stoxx Europe 600. Prosus, che fa capo alla sudafricana Naspers, ha annunciato di avere chiuso l’esercizio al 31 marzo scorso con un aumento dei ricavi del 24% a 35,6 miliardi di dollari, mentre l’utile di competenza degli azionisti è balzato a 18,73 miliardi, pari a 12,32 dollari per azione, da 7,45 miliardi, pari a 4,50 dollari, grazie a guadagni da cessioni per oltre 12 miliardi. L’utile globale di base – ha precisato la società – è invece in flessione del 20% a 3,7 miliardi di riflesso al minore contributo da parte della partecipata Tencent, a maggiori investimenti e a un aumento dei costi finanziari. La società aveva avvertito a giugno, che l’utile di base avrebbe registrato un calo tra il 14% e il 21 per cento. Nel corso dell’anno il gruppo ha fatto investimenti per 6,2 miliardi di dollari e questo ha ridotto del 6% a 5 miliardi l’utile operativo. I ricavi dalle attività nell’e-commerce sono aumentate del 51% 9,8 miliardi, con una crescita che arriva al 77% nel segmento Food (in cui rientrano le quote in Ifood e Delivery Hero).

Ceduto il 4% della cinese Jd.com

Prosus ha anche annunciato di avere ceduto la sua partecipazione del 4% nel dettagliante cinese Jd.com per 3,7 miliardi di dollari, tramite «una cessione ordinata sul mercato». Il gruppo ha spiegato che la quota, ricevuta nel 2021 nel quadro della distribuzione di un dividendo interinale da parte della partecipata Tencent, non faceva parte delle sue priorità strategiche. Inoltre Prosus e la sua capogruppo Naspers hanno annunciato l’avvio di un programma di riacquisto di azioni proprie «per aumentare il Nav per azione, approfittando dello sconto con qui quotano le società rispetto al valore netto delle loro attività sottostanti». Il programma è "open-ended", cioè a durata e importo indefiniti, in quanto continuerà finché «persisteranno» gli alti livelli di sconto rispetto al Nav. Il buy back sarà finanziato tramite «la vendita ordinata sul mercato» di azioni detenute in Tencent. Prosus detiene attualmente il 28,9% di Tencent per un valore di oltre 100 miliardi di dollari.

Loading...
Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti