dopo lo stop nel Milleproroghe

La stretta su Airbnb e affitti brevi è rinviata, il Governo prepara riforma ad hoc

La proposta punta a stringere le maglie per coloro che affittano per brevi periodi stanze, case vacanze o appartamenti, e riguarderebbe anche Airbnb

di Marzio Bartoloni


Airbnb Italia: sugli affitti online sì a regole, ma no al caos

2' di lettura

La stretta per chi affitta ai turisti case o stanze per periodi brevi, magari attraverso la piattaforma Airbnb che in Italia conta 459mila appartamenti in affitto, è rinviata. Dopo il ritiro dell’emendamento al dl Milleproroghe presentato dal Pd alla Camera le norme dovrebbero ritornare in pista all’interno di una riforma più complessiva sul tema caldissimo degli affitti brevi. Il Governo sta infatti lavorando proprio in questi giorni al disegno di legge sul turismo collegato alla manovra.

L’emendamento, poi ritirato dopo le critiche arrivate anche dentro la maggioranza (da Italia Viva) e fuori dal Parlamento da diverse associazioni che rappresentano i proprietari di casa, puntava a dare la possibilità ai comuni di consentire l'affitto turistico solo con il rilascio di una licenza, stabilendo anche un tetto al numero di permessi. La proposta stabiliva anche un tetto alla durata degli affitti nell'anno, con un occhio particolare ai «centri storici». L'affitto di più di tre stanze, anche in case diverse, per meno di 8 giorni, veninva inoltre considerato attività d'impresa e quindi necessitava del ricorso alla partita Iva. Alla riunione di maggioranza del 28 gennaio, però, questa proposta non è stata accolta.

La riforma nel collegato sul turismo
A spiegare il futuro delle norme sugli affitti brevi è stato il deputato Pd Nicola Pellicani, primo firmatario della proposta per la stretta sugli affitti brevi al dl Milleproroghe: «Ho accolto l'invito del governo al ritiro, in quanto lo stesso governo si è impegnato a riprendere i contenuti dell’emendamento all'interno del collegato alla Legge di Bilancio sul turismo, una proposta di legge che i vari ministri hanno facoltà di presentare dopo l'approvazione del Bilancio entro il 31 gennaio 2020. Per cui il testo arriverà in Parlamento a giorni e sarà discusso a strettissimo giro. Un primo traguardo è stato raggiunto». Sulla stessa scia il Movimento Cinque Stelle che si è detto «fortemente intenzionato a riformare il settore dell'ospitalità. Auspichiamo di poterlo fare già nel collegato del turismo che arriverà a breve».

Italia Viva: no a licenze, sì ad attività imprenditoriale
Anche Italia Viva, la più contraria all’emendamento, ha sottolineato come «la problematica delle locazioni brevi è calda ed è venuto il momento di trovare delle soluzioni», avverte Sara Moretto, capogruppo in Commissione Attività produttive alla Camera. «Per noi bisogna farlo - aggiunge - coniugando il monitoraggio necessario a contrastare evasione fiscale e abusivismo con un approccio che tenga conto delle nuove frontiere dell'accoglienza e di un asset sempre più strategico per il nostro Paese come il turismo». «Per questo, siamo contrari - ha concluso la deputata di Italia Viva - all’ipotesi di affidare ai comuni il rilascio delle licenze, scongiurando il rischio di nuovi balzelli o aumentare il soffocamento dovuto all'iperburocrazia. Siamo invece favorevoli a fare chiarezza sui criteri per definire quando un'attività di locazione diventa imprenditoriale».

Per approfondire
Airbnb, ecco come gestire gli affitti brevi senza diventare impresa

Il dossier sugli affitti brevi

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...