oggi l’election day

Province, la Lega prepara il ritorno in grande stile. M5S contrario

di Gianni Trovati

default onloading pic
(Imagoeconomica)


2' di lettura

Oggi è giorno di elezioni per quasi 60mila politici locali. È l'«election day» delle Province, fissato in estate dal Milleproroghe, che chiama alle urne sindaci e consiglieri dei territori per rinnovare 27 consigli provinciali e 47 presidenti.

Ed è solo il primo passo per un ritorno delle Province che si annuncia in grande stile, dopo anni di limbo prodotto dal tentativo di abolirle cancellato dal referendum del 4 dicembre. Altri due passi sono scritti nel testo della legge di bilancio attesa per oggi in Parlamento. Ma il bello viene dopo, e prepara il terreno a un nuovo scontro M5S-Lega dopo le «manine» sui condoni e i maldipancia sulla sicurezza.

Le «centrali» per le gare
Con la manovra, le Province tornano ufficialmente a essere un cardine nella vita degli enti locali con l'investitura ufficiale a stazioni appaltanti per i lavori pubblici avviati dai Comuni del loro territorio. In molte parti d'Italia è già così, sono oltre 3.600 (il 45% del totale) i sindaci che si affidano alla “loro” provincia per fare le gare. Ma la scelta diventerà obbligatoria per tutti i Comuni non capoluogo una volta in vigore la legge di bilancio, che offre anche 250 milioni all'anno dal 2019 al 2033 per la manutenzione di strade e scuole.

Più soldi a strade e scuole
«Non bastano», si lamentano gli amministratori provinciali in uscita da lunghi anni di tagli e compensazioni a bilanci sempre più in sofferenza. Ma le novità sono significative anche perché nelle idee della maggioranza, e soprattutto della Lega, sono l'antipasto del cambio di rotta vero e proprio: quello che con la riforma degli ordinamenti punta a far tornare al voto per i consigli provinciali i cittadini, e non solo i politici dei Comuni.

Il gran ritorno
Il tema è al centro dell'agenda. Ad accendere le polveri è stato il Milleproroghe, che ha previsto l’avvio entro il 21 novembre di un tavolo tecnico per «la revisione organica della disciplina in materia di ordinamento delle Province e delle Città metropolitane». E soprattutto tra i collegati alla manovra è in cottura una legge delega per la riforma degli enti locali: quella sarà la sede in cui provare il blitz. Un blitz rischioso soprattutto per i Cinque Stelle, dopo anni di lotta dichiarata a ogni forma di «costo della politica». Ma fondamentale per la Lega, che negli enti locali ha le sue radici irrinunciabili anche nella sua nuova veste sovranista.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti