profumi

Puig porta in Italia il brand Carolina Herrera

di Marika Gervasio


default onloading pic

3' di lettura

Superare i 3 miliardi di euro di ricavi entro il 2025 facendo arrivare a un miliardo di euro le vendite dei marchi di proprietà Paco Rabanne e Carolina Herrera: Puig, gruppo spagnolo attivo nella moda e nei profumi che ha chiuso l’esercizio 2018 con un utile record a 242 milioni di euro in crescita del 6 per cento e un fatturato stabile a oltre 1,9 miliardi di euro, ha presentato il profumo Good Girl firmato Carolina Herrera.

Arriverà in profumeria a settembre portando in Italia una nuova marca, come ha spiegato Alberto Ponchio, marketing director di Puig Italia. Con un obiettivo ambizioso: «Vogliamo essere tra i brand leader in Italia. È un marchio di proprietà del gruppo già presente in tantissimi mercati nel mondo che sta continuando a espandersi, Italia compresa, e vogliamo essere almeno tra le top ten nel mondo».

Il lancio del brand Carolina Herrera in Italia rientra nella strategia del gruppo – che genera l’86% delle sue vendite all’estero e che l’anno scorso ha terminato la licenza con Valentino, mentre è ancora in corso quella con Prada – di rafforzare il modello di business a favore dei marchi di proprietà nel mondo del fashion, anche grazie all’ultima acquisizione, quella della casa di moda Dries Van Noten.

Con Good Girl, Carolina Herrera fa la sua dichiarazione più audace e provocatoria. Per oltre 30 anni, la House of Herrera ha creato moda e profumi definiti dall'eleganza e dalla raffinatezza che incarnano lo stile newyorkese. La nuova fragranza di Carolina Herrera riflette gli atteggiamenti multidimensionali della donna moderna, ulteriormente espressi
attraverso l'hashtag della campagna, “It’s so good to be bad”.

Per oltre quattro anni, Carolina Herrera de Baez, direttrice creativa della House of Herrera Fragrances, si è dedicata, anche grazie alla sua profonda conoscenza del marchio e delle fragranze, alla creazione della fragranza. Il flacone
splendente, lo stiletto blu notte con il tacco a spillo d'oro che include un complessosistema di pressione interna.

    Per creare Good Girl, Carolina Herrera de Baez si è rivolta al naso profumiere Louise Turner. Conosciuta per il suo approccio avventuroso e innovativo, Turner era la creatrice di profumi perfetta per catturare in una fragranza l'essenza e la complessità della donna sofisticata di oggi. La musa è la super modella Karlie Kloss.

    Fondato nel 1981 da Carolina Herrera, le collezioni omonime sono costituite da abiti e accessori prêt-à-porter per donne, uomini e bambini, così come per le spose. Nel 1988 l'avventura nel mondo delle fragranze è iniziata con il lancio del primo eau de parfum di Carolina Herrera. Nel 1997 la figlia, Carolina Herrera de Baez, è entrata a far parte come Direttrice Creativa della House of Herrera Fragrances e la divisione si è espansa fino a includere oltre 20 fragranze, vendute in più di 100 paesi in tutto il mondo.

    La casa di moda e fragranze Carolina Herrera è definita da tre marchi, ognuno con la propria personalità distinta. Carolina Herrera New York che rappresenta la donna dell'Upper East Side, sempre impeccabile e sofisticata. CH Carolina Herrera che ritrae uno stile di vita lussuoso, in stretta relazione con “l'alegría de vivir” del marchio. Infine, 212 Carolina Herrera che si riferisce allo stile di vita più casual e chic. Sia le collezioni di moda sia le fragranze riflettono la raffinatezza insita nello stile iconico della loro fondatrice, Carolina Herrera.

    Brand connect

    Loading...

    Newsletter

    Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

    Iscriviti
    Loading...