russia-ucraina

Putin inaugura il ponte di Crimea Bruxelles condanna: «Illegittimo»

L’Alto Rappresentante Ue definisce l’opera «un ulteriore passo avanti nell’integrazione forzata alla Russia della penisola annessa illegalmente»


default onloading pic
Vladimir Putin a bordo del treno che ha inaugurato il tratto ferroviario del ponte di Crimea

1' di lettura

Viaggiando accanto al macchinista, il presidente Vladimir Putin ha inaugurato lunedì la linea ferroviaria del ponte che, attraverso lo Stretto di Kerch, unisce la Federazione Russa alla penisola di Crimea, annessa da Mosca nel 2014 senza il consenso dell’Ucraina, né il riconoscimento della comunità internazionale.

L’opera resta controversa, malgrado il valore ingegneristico di un’impresa mai riuscita prima, a causa delle difficili condizioni meteo in questa zona e del particolare fondo marino. Come scrive l’agenzia Ria Novosti, il treno partito da San Pietroburgo ha raggiunto Sebastopoli dopo 43,5 ore, percorrendo 2.741 km.

Il ponte di Crimea, tra il Mar Nero e il Mar d’Azov, è lungo 19 km. È percorribile in auto e in treno (Sputnik/Afp)

Il ponte, lungo 19 km, è già aperto al traffico automobilistico da un anno. «Il collegamento ferroviario - ha dichiarato il portavoce dell’Alto rappresentante Ue, Josep Borrell - è un ulteriore passo avanti nell’integrazione forzata alla Russia della penisola annessa illegalmente».

Nelle relazioni Russia-Ucraina, la Crimea è senz’altro il nodo in cui è più difficile immaginare una soluzione, malgrado gli altri timidi passi avanti registrati negli ultimi giorni: dopo le intese sul gas, russi e ucraini hanno concordato ieri i termini di uno scambio degli ultimi prigionieri rimasti, previsto entro la fine dell’anno.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...