ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùStart up

Qodeup, round seed da 2,5 milioni guidato da Techshop Primo

All’operazione hanno partecipato anche la società FoodBrand (proprietaria della catena “Doppio Malto”) e a business angels con expertise di settore

di Mo.D.

2' di lettura

Qodeup, startup innovativa che ha lanciato una suite software basata su QRCode per il settore della ristorazione, ha chiuso un round di finanziamento seed da 2,5 milioni di euro. L’operazione è guidata da Techshop Primo come lead investor, a fianco della società FoodBrand (proprietaria della catena “Doppio Malto”) e a business angels con expertise di settore. Il round è stato supportato dai soci della prima ora ed è aperto ancora per qualche settimana a ulteriori investitori.

«Il quarto investimento del nostro Fondo conferma la strategia di puntare su soluzioni SaaS+Embedded Finance con un forte potenziale innovativo per filiere di economia reale e con benefici misurabili per i consumatori finali” spiegano Gianluca D'Agostino e Aurelio Mezzotero, managing partners di The Techshop, che proseguono: «In Qodeup abbiamo trovato un team ambizioso, competente e fortemente attrattivo per investitori, partner e talenti, tutte risorse necessarie a questo viaggio finalizzato a rivoluzionare il mondo della ristorazione».

Loading...

I proceeds del round saranno finalizzati a perfezionare il prodotto e a potenziare il lancio sul mercato del sistema di pagamento Qodeup. Il target primario è rappresentato dai ristoranti indipendenti, che rappresentano circa il 92% del mercato Italiano. Qodeup prevede anche una soluzione per le catene di ristoranti, integrata con i software di gestione e contabilizzazione.

La startup nasce a Brescia dai founders Fabio Marniga, serial entrepreneur, e Stefano Allegra, software engineer. Accelerata da Bocconi4innovation, ha completato un primo round di finanziamento nel 2021, tra gli investitori l'Università Bocconi e un parterre di business angel competenti e appassionati.

Qodeup ha lanciato una soluzione fintech che consente di ripensare il processo di checkout di un pasto, abilitando via QRCode un vero e proprio “POS in ogni tavolo”. Si tratta di una soluzione di pagamento che non richiede una app dedicata. Il pagamento può essere suddiviso tra i commensali e viene effettuato tramite Apple Pay, Google Pay o con carte di credito di qualunque circuito. Per l'esercente tutto è monitorato attraverso la webapp proprietaria.

»Questo Seed round guidato da Techshop è un importante step per la crescita di Qodeup: vogliamo investire nello sviluppo della piattaforma attirando i migliori talenti IT sul mercato, proseguire nell'on-boarding delle migliori catene di ristorazione italiane e accelerare la go-to-market dei ristoranti indipendenti» commentano Fabio Marniga e Stefano Allegra.

L'Italia è il sesto mercato al mondo nella ristorazione e il valore delle transazioni cashless è stato stimato pari a 16,5 miliardi di euro nel 2021, in forte svilluppo negli ultimi anni ed atteso crescere ulteriormente sulla spinta di metodi di pagamento digitali abilitati dagli smartphone.

Il nuovo CDA di Qodeup sarà supportato da un Advisory Board il cui primo rappresentante è Massimo della Ragione, ex Goldman Sachs, oggi Bocconi4Innovation. Nell'operazione Qodeup, The Techshop SGR si è avvalsa del team dello studio legale Ughi&Nunziante, guidato dall'avv. Amon Airoldi. Qodeup srl è stata assistita dallo studio legale LCA, guidato dall'avv. Stefano Giannone Codiglione.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti