semiconduttori

Qualcomm: la crisi dei chip durerà almeno sei mesi. Vertice Taiwan-Usa

Apple, uno dei principali clienti di Qualcomm, ha dichiarato la scorsa settimana che le vendite di iPhone 12 sono state limitate dalla disponibilità di alcuni componenti

di Alberto Annicchiarico

Novità in casa Apple, per il Mac arriva il nuovo processore M1

Apple, uno dei principali clienti di Qualcomm, ha dichiarato la scorsa settimana che le vendite di iPhone 12 sono state limitate dalla disponibilità di alcuni componenti


2' di lettura

Questa volta l’allarme arriva direttamente da un gigante del settore, Qualcomm, che avvisa: la crisi globale della produzione di semiconduttori si sta aggravando. Come la maggior parte dei produttori di chip, Qualcomm affida la produzione a società come Taiwan Semiconductor Manufacturing (la più grande del mondo) e Samsung. Questi fornitori non riescono a fare fronte a un forte rimbalzo della domanda. Il settore automobilistico si è lamentato di questo di recente, ma le nuove dichiarazioni della società di San Diego mostrano che i problemi sono più profondi. La questione sarà parte importante dei colloqui che avrà con funzionari del governo americano domani il ministro dell’economia taiwanese la signora Wang Meihua.

Wang ha ammesso che il cosiddetto chip shortage ha un «grande impatto» su scala globale ma ha anche aggiunto che un governo democratico non può interferire con le attività di aziende private. Tuttavia secondo alcune indiscrezioni degli ambienti politici taiwanesi il meeting potrebbe avere per oggetto addirittura la possibilità di scambiare chip per auto con vaccini anti-Covid, che devono ancora iniziare ad arrivare sull'isola. Le forniture di vaccini sono sotto pressione in tutto il mondo, come si sa.

Loading...

Quando la pandemia Covid-19 ha colpito per la prima volta all'inizio del 2020, gli ordini di chip sono crollati. Ma il lavoro e lo studio a distanza hanno stimolato la domanda di computer, mentre l'acquisto di automobili è aumentato poiché le persone evitano i trasporti pubblici. Il prossimo Ceo di Qualcomm, Cristiano Amon ha spiegato che gli ordini di chip per computer, automobili e molti altri dispositivi connessi a Internet stanno travolgendo l'industria, che, appunto, si basa principalmente su una manciata di fabbriche in Asia. L'offerta dovrebbe migliorare nella seconda metà del 2021, ha aggiunto.

Apple, uno dei principali clienti di Qualcomm, ha dichiarato la scorsa settimana che le vendite di iPhone 12 sono state frenate dalla disponibilità di alcuni componenti. Mercoledì scorso, General Motors ha avvertito che una carenza globale di semiconduttori ridurrà la produzione quest'anno poiché la casa automobilistica prevede tempi di fermo in tre stabilimenti.

Qualcomm è il più grande produttore di chip che connettono gli smartphone alle reti wireless e fornisce anche processori (il celebre Snapdragon), l’unità principale di questi dispositivi. Con clienti tra cui Apple e Samsung, le proiezioni dell'azienda sono un indicatore attentamente monitorato della salute del mercato della telefonia mobile. Nel primo trimestre fiscale, Qualcomm ha dichiarato che le entrate sono state di 8,24 miliardi, un guadagno del 62% rispetto all'anno precedente. Gli analisti, in media, avevano previsto 8,25 miliardi. L'utile netto è stato di 2,12 dollari per azione, rispetto alla stima media di Wall Street di 2,09 dollari.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti