Quando il dipendente “sbrocca” sui social: così si rischia il licenziamento

1/8LA GIURISPRUDENZA

Quando il dipendente “sbrocca” sui social: così si rischia il licenziamento

di Giampiero Falasca e Valentina Melis

default onloading pic
(Giovanni Mereghetti / AGF)

Insultare il proprio capo o l'azienda su un social network aperto a tutti è più grave, dal punto di vista disciplinare, rispetto a una critica o a un insulto che avviene in una chat chiusa. Sembra una distinzione che si sta facendo largo nella giurisprudenza, sempre più spesso chiamata a valutare la rilevanza disciplinare dell'uso – a volte disinvolto - dei social media e a decidere sulla legittimità di licenziamenti inflitti per messaggi considerati lesivi delle aziende.

La giurisprudenza recente, dunque, sta distinguendo i casi (si veda la sentenza del Tribunale di Firenze del 16 ottobre 2019) in base alla platea che riceve eventuali messaggi offensivi: la rilevanza disciplinare dei messaggi cambia quando sono pubblicati su profili social aperti a tutti, o su account o all'interno di chat telefoniche il cui accesso è filtrato e riservato.

Nel primo caso, l'eventuale contenuto offensivo del messaggio rileva sul piano disciplinare e, quindi, può essere contestato al lavoratore e usato come motivo di licenziamento (se ci sono gli elementi di gravità richiesti dalla legge).

Nel secondo caso, la giurisprudenza equipara i messaggi inviati alla chat chiusa o pubblicati sul profilo ad accesso limitato alle forme di corrispondenza privata che, come tali, sono oggetto di tutela costituzionale e non possono essere usate per licenziare o sanzionare un dipendente.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti