ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùinvestimenti alberghieri

Quando l’hotellerie non si ferma

Le strategie del Gruppo Ihg Hotels and resorts che guarda avanti e conferma diverse nuove aperture nel 2021, cominciando da due nuovi alberghi a Roma

di Evelina Marchesini

5' di lettura

Nonostante la Pandemia, il gruppo alberghiero Ihg Hotels and resorts guarda avanti e conferma diverse nuove aperture per il 2021. “Da destinazioni emergenti come Belgrado, Ras Al Khaimah e il deserto del Negev in Israele alle mete classiche come Parigi, Roma, Adelaide, Bali e New York _ spiega al Sole 24 Ore Eric Viale, director Southern Europe di Ihg Hotels and resorts _ il gruppo porterà avanti il debutto di diverse nuove strutture l'anno prossimo”.

Ihg Hotels and resorts riunisce diversi marchi dell'hotellerie e le aperture del 2021 riguarderanno brand differenti. Le punte di diamante saranno il debutto del Kimpton Hotels and restaurants a Parigi e Bali, il Regent a Phu Quoc, l'Intercontinental a Ras Al Khaimah (Emirati Arabi) e a Roma, il Six Senses Sharut in Israele a New York e a Roma.

Loading...

Ecco in dettaglio le aperture, dalla nostra Roma alle località emergenti e a quelle che non possono mancare nel portafoglio di un brand dell'hotellerie. Il gruppo Ihg comprende i marchi Six Senses Hotels and resorts Spa, Regent, Intercontinental, Kimpton Hotels & restaurants, Indigo Hotels, Even Hotels, Hualuxe Hotels and resorts, Crowne Plaza, Holiday Inn, Holiday Inn Express, avid Hotels, voco Hotels, Staybridge Suites e Candlewood Suites.

Roma. Il marchio Six Senses farà il proprio debutto a Roma alla fine del 2021 in piazza San Marcello, a Palazzo Salviati Cesi Mellini con 95 tra camere e suite. Con questa apertura approderà nella Capitale anche la Spa Six Senses, con i suoi esclusivi trattamenti olistici, oltre a un ristorante, una terrazza per eventi, una rooftop terrace con vista a 360 gradi sulla Capitale. Il palazzo, costruito nel 18° secolo da Tomaso De Marchis ha iconiche finestre barocche ed è sotto l'egida dell'Unesco.

Sognare con le aperture 2021 degli hotel Ihg

Sognare con le aperture 2021 degli hotel Ihg

Photogallery11 foto

Visualizza

Roma è l'unica destinazione in cui il gruppo Ihg Hotels and resorts aprirà ben due nuove strutture nel 2021. Nel quarto trimestre ci sarà infatti anche il debutto dell'InterContinental Rome Ambasciatori Palace in via Veneto, vicino a Villa Borghese. La proprietà, già esistente, con 160 camere e suites, un rooftop panoramico, ristorante, bar e spa viene ristrutturata per adeguarsi al lusso soft degli InterContinental. L'edificio è stato progettato agli inizi del 900 dall'architetto Carlo Busiri Vici nello stile neo-rinascimentale e ospitò la biblioteca dell'Ambasciata Usa, per poi diventare un hotel nel 1993.

Serbia. “Perché ora? Ci si potrebbe chiedere. Una delle città meno conosciute d'Europa, Belgrado, è in realtà estremamente interessante”, spiega Eric Viale. Costruita alla confluenza di due fiumi, il Danubio e il Sava, che dividono la città in un'area storica e tradizionale e un'altra, la Nuova Belgrado, dall'architettura postbellica, la città sta ottenendo sempre più attenzioni dalla Generazione Z e dai Millenials, affascinati dalle sue due anime, dal design di metà secolo, dal mausoleo del leader dell'Ex Yugoslavia, Marshal Tito.

Qui aprirà le porte l'Hotel Indigo Belgrade, nella Old Town, nel secondo trimestre dell'anno. La struttura si trova nel mezzo di lussuose aree shopping e sarà un hotel boutique di 44 camere, ispirata al quartiere stesso, Dorcol, che offre un mix di stili architettonici e di design vicino ai principali punti di interesse, come la fortezza di Belgrado, la chiesa di Santa Sava, il teatro nazionale, un quartiere in una fase di totale rigenerazione urbana.

Vietnam. Il Regent Phu Quoc aprirà nel secondo trimestre 2021 nell'omonima isola nel golfo del Siam, direttamente sul mare e su una spiaggia di sabbia bianca. Il resort metterà a disposizione ville e suite, ristoranti di livello internazionale, spiaggia privata, spa, piscine e palestra. “Il punto di forza sarà la ristorazione _ spiega Eric Viale _ con sei esperienze gastronomiche differenti, tra cui la cucina vietnamita a quella cinese, poi Oku, un Salon de Bouef franco-giapponese, bar specializzati in cocktail innovativi che partono dalla botanica”.

Emirati Arabi. Nel primo semestre dell'anno aprirà l'Intercontinental Mina Al Arab a Ras Al Khaimah, forse il meno conosciuto degli Emirati, ancora lontano dai luccichii di Dubai ma che è diventato la destinazione con la crescita turistica più veloce. L'Emirato punta su un turismo sostenibile che gira intorno alla montagna Jebel Jais, 64 chilometri di spiagge, una cultura che data 7mila anni, il tutto a 45 minuti d'auto da Dubai.

Il nuovo Intercontinental avrà 350 camere, chalet e suite, un health club, la spa, due piscine e diversi ristoranti, per una superficie di 43.770 metri quadrati. Sorge tra la spiaggia e una via d'acqua creata dall'uomo ed è totalmente waterfront. Israele. La destinazione del nuovo hotel del brand Six Senses in Israele è Shaharut, nel deserto del Negev, lontano dal turismo di massa, in un'area che ospita diversi siti Unesco World Heritage, come Shivta e Avdat che fanno parte della Nabatean Spice route che continua poi fino a Petra. Il Six Senses Shaharut sarà incastonato nella roccia in un paesaggio da togliere il fiato con una vista panoramica del deserto.

L'hotel occuperà una superficie di 18 ettari che ospiteranno 40 ville e le suites, con una Spa Six Senses. Gli edifici sono disegnati ricordando le strutture abitate dalle antiche tribù dei Nabatei, una comunità nomade che visse qui circa 2mila anni fa, in materiali locali e naturali che si fondono con il paesaggio, senza illuminazione esterna per non rovinare lo spettacolo del cielo stellato del deserto.

Florida. “Mentre South beach e Wynwood hanno attirato la maggior parte dei visitatori negli ultimi anni, il quartiere finanziario di Brickell sta diventando popolare tra chi si trasferisce da altre città e Paesi e si sta trasformando in una destinazione dalla vita propria”, dice Eric Viale. Per questo il nuovo Hotel Indigo aprirà proprio a Brickell nel primo trimestre 2021, con interni disegnati dagli stilisti internazionali Angel Sanchez e lo studio Coleman. Saranno 140 camere con vista spettacolare sullo skyline di Miami e l'oceano, con un fitness center e una piscina aperti 24 ore su 24 e un ristorante internazionale.

Australia. “Il brand Indigo farà il suo debutto in Australia partendo da Adelaide, la gemma dell'Australia del Sud, un'area che offre increbili bellezze naturali, cultura, vigneti e cantine rinomati in tutto il mondo e si chiamerà Hotel Indigo Adelaide Markets”, dice Viale. L'apertura è prevista nel primo trimestre 2021 in Market Street, vicino a Central Market, un vivace hub culinario nel cuore della città. Ospiterà 145 camere e la struttura sarà caratterizzata da una colorata arte murale, che rispecchia lo stile del quartiere, e da mosaici innovativi con inserti di rame, per raccontare la storia mineraria di Adelaide.

Le destinazioni “iconiche”. Nel secondo trimestre del 2021 aprirà a Bali il Kimpton Naranta Bali a Nusa Dua, nella parte sud orientale dell'isola, immerso nella natura e affacciato sulla famosa spiaggia di Nusa Dua. Si tratterà di 50 ville lussuose e dal design contemporaneo.

Restando in tema di destinazioni iconiche, farà il suo debutto in Nordamerica nel 2021 il Six Senses New York, che ha scelto il quartiere di Chelsea, tra il Greenwich Village e Hudson Yards. L'hotel farà parte del The XI, due torri girevoli uniche nel panorama newyorchese disegnate dall'architetto Bjarke Ingels. Le camere e le suite sono state disegnate dallo studio parigino Gilles & Boissier e l'hotel ospiterà anche una Spa Six Senses con la sua offerta olistica famosa in tutto il mondo e due ristoranti.

Non poteva poi mancare Parigi, con il debutto del Kimpton St Honoré Paris nel quartiere dell'Opera, in un edificio dalle facciate Art Nouveau e Art Deco lungo il Boulevard des Capucines. “Il famoso architetto francese Charles Zana si è occupato di adattare gli interni per portare per la prima volta in Francia il design elegante ed esclusivo del brand Kimpton, con 149 camere, tra cui 24 suites, una piscina indoor e lussuose sale per i trattamenti”, spiega Eric Viale. L'edificio è famoso a Parigi in quanto ospitò, dal 1917 al 1981 il grande magazzino Samaritaine de Luxe dal cui tetto, che sarà raggiungibile con un ascensore originale dell'epoca, si può ammirare Parigi a 360 gradi.

Riproduzione riservata ©

  • Evelina Marchesinivice caporedattore

    Luogo: Milano-Messico

    Lingue parlate: italiano, spagnolo, inglese, francese

    Argomenti: real estate, immobiliare, turismo, travel, latin america

    Premi: "Arel Lady of the year" by Arel; "Key player of the italian real estate market" by Scenari Immobiliari

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter RealEstate+

La newsletter premium dedicata al mondo del mercato immobiliare con inchieste esclusive, notizie, analisi ed approfondimenti

Abbonati