ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLe nuove regole in vigore da oggi

Quarantena per vaccinati e non, tutte le novità in 10 domande e risposte

Solo autosorveglianza per chi ha il richiamo. Nulla cambia per i non vaccinati

di Andrea Carli e Andrea Gagliardi

Aggiornato il 2 gennaio 2022, ore 18:36

Cosa fare per uscire da quarantena e auto isolamento

4' di lettura

Il rischio che con la corsa della variante Omicron si potesse arrivare a milioni di italiani in isolamento, con inevitabili conseguenze per l’operatività di molte attività, tra cui servizi essenziali, ha convinto il governo Draghi a rimettere mano, con un nuovo decreto legge, alle regole che disciplinano la quarantena precauzionale. Una mossa per evitare la paralisi del Paese.

Il provvedimento, pubblicato nella Gazzetta ufficiale il 30 dicembre prevede che chi è vaccinato con due dosi da meno di 4 mesi o con tre dosi non debba più andare in quarantena in caso di contatto stretto con una persona positiva al Covid. Le nuove misure entrano in vigore venerdì 31 dicembre, ovvero il giorno dopo la pubblicazione del nuovo decreto legge in Gazzetta ufficiale. E sono state integrate da una circolare ad hoc emanata dal ministero della Salute

Loading...

Ecco le principali novità su questo particolare aspetto, all in dieci domande e risposte.

Le nuove misure sulla quarantena

Visualizza

A chi si applica l’abolizione della quarantena precauzionale in caso contatto stretto con una persona positiva al Covid?

La novità del nuovo decreto è l'abolizione della quarantena precauzionale per le persone entrate in contatto stretto con un positivo al Covid, se hanno ricevuto la dose booster, oppure hanno completato il ciclo vaccinale primario (doppia dose, monodose o pregressa infezione e dose vaccino) da meno di 4 mesi, oppure siano guariti dal Covid da meno di 4 mesi. A condizione che siano asintomatiche.

Coronavirus, terapie intensive al 12,9%, aree mediche al 17,1%, 783 casi ogni 100mila abitanti

Chi ha il booster o doppia dose da meno di quattro mesi, esclusa la quarantena, quali misure deve prendere in caso di contatto stretto con un positivo al Covid 19?

In base alle nuove regole, chi ha il booster oppure è vaccinato o guarito da meno di quattro mesi, in caso di contatto stretto con una persona positiva al Covid, può uscire di casa ma è obbligato di tipo FFP2 per almeno 10 giorni dall'ultima esposizione al caso. Tutto questo a patto che sia asintomatico. È previsto un periodo di auto-sorveglianza di cinque giorni. In questo periodo va fatto un test antigenico rapido o molecolare alla prima comparsa dei sintomi. Se ancora sintomatici, il tampone va ripetuto al quinto giorno successivo alla data dell'ultimo contatto stretto. E si può effettuare anche presso centri privati abilitati. Il periodo di autosorveglianza finisce al quinto giorno senza obbligo di tampone se si resta asintomatici.

Ho fatto la seconda dose da 5 mesi e sono entrato in contatto stretto con una persona positiva al Covid, devo fare la quarantena?

Sì. Chi ha completato il ciclo vaccinale primario da più di 4 mesi, e ha in tasca un green pass valido, se asintomatico, deve fare la quarantena. La durata di quest’ultima però è stata ridotta in questo caso da 7 a 5 giorni, purché al termine di tale periodo risulti eseguito un test molecolare o antigenico con risultato negativo.

A chi continua ad applicarsi la quarantena di 10 giorni?

Nulla cambia in caso di contatto stretto con un positivo al Covid per chi non è vaccinato o ha fatto ancora solo la prima dose (delle due previste) o ha completato il
ciclo vaccinale primario da meno di 14 giorni. Per queste persone rimane inalterata l'attuale misura della quarantena prevista nella durata di 10 giorni dall'ultima esposizione al caso, al termine del quale periodo risulti eseguito un test molecolare o antigenico con risultato negativo.

La quarantena di 10 giorni si applica anche ai contatti stretti sintomatici senza booster e con ultima dose ricevuta da più di 120 giorni, sempre con obbligo di tampone negativo al decimo giorno

Che cosa si intende per “contatti stretti”?

Il “contatto stretto” (esposizione ad alto rischio) di un caso probabile o confermato è definito come: una persona che vive nella stessa casa di un caso Covid-19; una persona che ha avuto un contatto fisico diretto con un caso Covid-19 (per esempio la stretta di mano); una persona che ha avuto un contatto diretto non protetto con le secrezioni di un caso Covid-19 (ad esempio toccare a mani nude fazzoletti di carta usati); una persona che ha avuto un contatto diretto (faccia a faccia) con un caso Covid-19, a distanza minore di 2 metri e di almeno 15 minuti; una persona che si è trovata in un ambiente chiuso (ad esempio aula, sala riunioni, sala d’attesa dell’ospedale) con un caso Covid-19 in assenza di DPI idonei;
un operatore sanitario o altra persona che fornisce assistenza diretta ad un caso Covid-19 oppure personale di laboratorio addetto alla manipolazione di campioni di un caso Covid-19 senza l'impiego dei DPI raccomandati o mediante l'utilizzo di DPI non idonei; una persona che ha viaggiato seduta in treno, aereo o qualsiasi altro mezzo di trasporto entro due posti in qualsiasi direzione rispetto a un caso Covid-19 (sono contatti stretti anche i compagni di viaggio e il personale addetto alla sezione dell'aereo/treno dove il caso indice era seduto).

Sono previste regole ad hoc per medici e infermieri?

Sì. Gli operatori sanitari devono eseguire tamponi su base giornaliera fino al quinto giorno
dall'ultimo contatto con un soggetto contagiato.

Sono positivo al Covid, asintomatico. E ho il booster. Cambia qualcosa nelle regole sull’isolamento?

Sì. Per chi ha ricevuto il booster o ha completato il ciclo vaccinale da meno di 120 giorni, la durata dell'isolamento può essere ridotta da 10 a 7 giorni. A patto che il soggetto sia sempre stato asintomatico, o risulti asintomatico da almeno 3 giorni. E a
condizione che, al termine di tale periodo, risulti eseguito un test molecolare o antigenico con risultato negativo.

Sono positivo al Covid, sintomatico. E ho il booster. Cambia qualcosa nelle regole sull’isolamento?

No, in questo caso restano in vigore le vecchie regole. Le persone sintomatiche risultate positive possono rientrare in comunità dopo un periodo di isolamento di almeno 10 giorni dalla comparsa dei sintomi accompagnato da un test molecolare o antigenico con riscontro negativo eseguito dopo almeno 3 giorni senza sintomi (non considerando le alterazioni dell'olfatto e del gusto). Se il test dà ancora riscontro positivo si può comunque uscire dall’isolamento dopo 21 giorni, a patto che gli ultimi 7 giorni non ci siano stati sintomi.

Le nuove regole sulla quarantena valgono anche per i bambini vaccinati?

Secondo quanto chiarito da Fabio Ciciliano, componente del Comitato tecnico scientifico, le nuove indicazioni per le quarantene, previste dall’ultimo decreto anti-Covid, riguardano i «contatti stretti positivi e investiranno tutti i vaccinati indipendentemente dalla fascia d’età».

Quando entreranno in vigore le nuove regole sulla quarantena?

Le nuove regole sulle quarantene entrano in vigore il 31 dicembre 2021, ovvero il giorno dopo la pubblicazione del nuovo decreto legge in Gazzetta ufficiale.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti