ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLa campagna contro il Covid

Covid, balzo quarte dosi a +80%. Chi può farle e con quali vaccini

Si procede a una media di 25mila dosi al giorno, rispetto alle meno di 15mila di una settimana fa. Nuovi vaccini bivalenti disponibili per tutti gli over 12

di Marzio Bartoloni

I nuovi vaccini agli over12. Scade obbligo mascherine

3' di lettura

Dopo un andamento lento rispetto alle attese la nuova campagna vaccinale sembra cominciare ad ingranare la marcia. In sette giorni le quarte dosi somministrate sono quasi raddoppiate crescendo dell’80 per cento.

Si procede a una media di 25mila dosi al giorno, rispetto alle meno di 15mila di una settimana fa, un numero ancora basso se si pensa che gli over 60 e i fragili - le categorie più a rischio - che si devono ancora vaccinare con la quarta dose sono quasi 14 milioni.

Loading...

La nuova campagna è stata aperta anche a tutti gli over 12 e a disposizione ci sono due nuovi vaccini bivalenti: il primo tarato sulla sotto variante Omicron 1 e il secondo su Omicron4-5.

Le quarte dosi cominciano a ingranare

Il ritmo delle somministrazioni della nuova campagna vaccinale comincia finalmente a crescere. Se a inizio settembre si procedeva molto lenti con 61.518 quarte dosi somministrate tra il 6 e il 12 settembre e 85.123 dal 13 al 19 settembre, già la settimana successiva (dal 27 settembre al 3 ottobre) si è vista una prima leggera risalita con 104.320 italiani che hanno allungato il braccio per questo secondo booster.

Infine negli ultimi 7 giorni (dal 4 al 10 ottobre) ci sono state 177.797 quarte dosi, con una crescita di circa l’80 per cento. In tutto sono oltre 3,5 milioni gli over 60 e i fragili che si sono già vaccinati con la quarta dose, se a questi si aggiungono 1,8 milioni di persone che hanno avuto il Covid da meno di sei mesi (e dunque non devono fare la nuova iniezione) sono poco meno di 14 milioni quelli che devono ancora farla nella platea per cui è raccomandata (appunto over 60 e fragili).

L’ANDAMENTO DELLE QUARTE DOSI

Dato giornaliero in media mobile a 7 giorni - Fonte: Commissario straordinario per l’emergenza Covid-19

Loading...

La nuova campagna vaccinale aperta a tutti gli over 12

Ma chi può ricevere la nuova somministrazione? Dopo una prima circolare del 7 settembre che ha autorizzato i vaccini bivalenti aggiornati su Omicron 1 - in tutto la prima tranche è di 19 milioni di dosi - per over 60 e fragili lo scorso 23 settembre è stata firmata una nuova circolare che autorizza e rende disponibili anche i vaccini per Omicron 4-5 di cui sono attese in tutto 6 milioni di dosi.

Questi nuovi vaccini bivalenti sono indicati per le stesse categorie di quello precedente e cioè per le quarte dosi di fragili, over 60 oltre che per chi, tra gli over 12, non ha fatto ancora la terza dose. La novità, contenuta nell'ultima circolare è che potranno essere «resi disponibili su richiesta dell'interessato» come quarta dose anche per tutti gli over 12. E infatti le Regioni proprio negli ultimi giorni stanno aprendo le prenotazioni del secondo booster a tutti. Prevista anche una quinta dose per i gravi immunodepressi «dietro valutazione e giudizio clinico specialistico». Insomma la campagna vaccinale continua all'insegna della massima apertura a tutti,

Quale vaccino: quello tarato su Omicron 1 o su Omicron 5?

Un incentivo a proteggersi potrebbe arrivare dai nuovi vaccini adattati bivalenti - quello per Omicron 1 e per Omicron 4-5 - che sono ora disponibili. In particolare il secondo è tarato oltre che sul ceppo originario di Wuhan anche sulle sottovarianti (Omicron 4-5) ora dominanti in Italia.

Diversi italiani potrebbero aver preferito aspettare a fare la quarta dose per poter scegliere questo nuovo vaccino anche se l’Aifa, l’Agenzia italiana del farmaco, ha sottolineato come «non ci sono evidenze per poter esprimere un giudizio di uso preferenziale di uno dei diversi vaccini bivalenti oggi disponibili, ritenendosi che tutti possano ampliare la protezione contro diverse varianti e possano aiutare a mantenere una protezione ottimale contro la malattia Covid-19».

Fatto sta che in base alle Regioni cambia spesso la possibilità di accesso ai due vaccini bivalenti: nel Lazio si può a esempio scegliere quale fare tra i due bivalenti (Omicron 1 o 5), in Toscana viene offerto prima quello per Omicron 5, mentre in Lombardia non si può scegliere e si riceve quello disponibile nell’hub come avviene anche in Campania

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti