LA CLASSIFICa BEST PERFORMANCE AWARD

Quattro su dieci in regione, Lombardia avanti senza rivali

Delle 531 aziende migliori 197 localizzate qui: al top Milano, Bergamo e Brescia

di Luca Orlando


3' di lettura

Il primato è evidente, in effetti non c’è partita. Delle 531 aziende eccellenti identificate nel premio Best Performance Award, ben 197 sono lombarde. Se in termini di popolazione d’impresa la lombardia vale in media il 18% del totale nazionale (4,4 milioni di imprese registrate dall’Istat) quando il punto di riferimento diventa il target più performante la quota della regione sale oltre il 37%. Determinante il peso di Milano, che da sola presenta in classifica 62 aziende, anche se a superare la doppia cifra sono anche altre province: Bergamo, Brescia, Varese, Lecco e Monza-Brianza. Aziende vincenti selezionate partendo da una base allargata di oltre 600mila bilanci (ricavi tra 25 milioni e 5 miliardi, indipendenti da gruppi stranieri), identificando realtà con tassi di crescita dei ricavi, tassi di investimento e livelli di Ebitda superiori a quelli del settore di appartenenza, oltre che solide in termini finanziari. , con un rapporto tra posizione finanziaria netta ed Ebitda inferiore a tre.

Base di partenza di 531 aziende su cui si innesta il secondo livello di analisi effettuato con questionari ed interviste ad hoc, per aggiungere all’eccellenza di bilancio anche quella in termini di sostenibilità, welfare e governance.

«Fin dall’avvio del premio la Lombardia è presente in classifica in queste proporzioni - spiega il Project Leader del Best Performance Award e docente della Bocconi Matteo Vizzaccaro - e quello che stiamo notando è un allargamento della platea di imprese che all’eccellenza nel bilancio aggiunge una crescente attenzione agli obiettivi (Sustainable Development Goals) posti dall’Onu. Il bilancio di sostenibilità, ad esempio, si sta progressivamente diffondendo anche tra le Pmi». In termini quantitativi il confronto rispetto alla media nazionale delle imprese è vincente sotto tutti i punti di vista. L’Ebitda è superiore dai 4 ai sei punti (l’ultima rilevazione lo vede al 17%), così come maggiore è il tasso di crescita dei ricavi: le aziende migliori balzano del 19%, quasi quattro volte la media generale del Paese. «Siamo onorati - commenta Riccardo Pironti, responsabile di J.P.Morgan Private Bank per l'Italia, la Grecia, i Paesi Bassi e la Scandinavia - di avere incontrato anche in questa terza edizione del Best Performance Award molti imprenditori e imprenditrici impegnati, con genio e tenacia, a traghettare nel futuro l'economia del nostro Paese. Siamo orgogliosi di essere ogni giorno al loro fianco e di accompagnarli nella realizzazione di strategie di crescita sostenibile e duratura. Ci auguriamo che questo premio sia l'occasione per riconoscere e far conoscere l'immenso valore, non solo economico, creato da queste imprese a beneficio dell'intera società».

L’ECCELLENZA SUL TERRITORIO

Distribuzione campione Bpa 2019 per provincia. Numero di aziende (Fonte: Sda Bocconi School of Management)

Risultati delle aziende che tuttavia non arrivano affatto “gratis” ma che sono legati in modo evidente a tassi di investimento superiori alla media, tra il 7 e il 12% degli asset totali, anche in questo caso, a seconda degli anni, si tratta di livelli doppi o tripli rispetto alla media. Strategie interessanti soprattutto perché in grado di produrre effetti particolarmente rilevanti in termini di nuova occupazione: la crescita del personale è in media superiore al 10% su base annua. Il che significa che in media, nell’ultimo anno, ciascuna di queste realtà è stata in grado di creare più di 60 posti di lavoro.

«Il Best Performance Award - aggiunge Alessandro Grandinetti, markets and clients leader di PwC Italia - è una iniziativa che valorizza un segmento di mercato critico per il sistema paese in quanto analizza realtà virtuose, che creano valore sostenibile attraverso l'innovazione tecnologica senza mai trascurare l'aspetto ambientale e l'impatto sul benessere sociale». «Anche quest'anno - aggiunge Luigi Cimaschi - Ad Refinitiv Italy - i rigorosi criteri di selezione utilizzati basati su performance, innovazione e sostenibilità hanno messo in evidenza i fattori di successo delle società analizzate. In particolare, mi piace evidenziare come in un mercato dove sempre di più le tematiche ESG richiamano l'attenzione dei loro futuri clienti, le aziende italiane risultano tanto più vincenti quanto più riescono ad adattarsi rapidamente al cambiamento che tali fattori impongono. In questo contesto il BPA diventa un importante strumento e una straordinaria opportunità per misurarsi con il mercato e valutare la propria capacità di affrontare scenari in continua evoluzione». «L’eccellenza - commenta l'ad del Gruppo 24 ORE Giuseppe Cerbone - è un percorso obbligato per essere competitivi nello scenario economico globale. Far conoscere queste eccellenze, capaci non solo di crescere sul mercato interno ma anche di battere la concorrenza oltreconfine, è parte dell'informazione quotidiana del Gruppo 24 ORE, che alle iniziative editoriali e sul territorio del Sole 24 Ore affianca e supporta con questo obiettivo il Best Performance Award dalla sua nascita».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...