show car

Quei prototipi così simili alle vetture di serie

Dacia con la Spring anticipa un futuri crossover elettrico Ds prepara l’ammiraglia


default onloading pic

2' di lettura

Ma quali show car! Sempre di più i Centri stile della Case automobilistiche anticipano l’uscita di un nuovo modello con una concept, magari da proporre nelle rassegne internazionali come doveva essere la 90a edizione del Salone di Ginevra. È il caso della Bmw i4 la berlina elettrica che quest’anno ha debuttato in una forma largamente simile alla concept che ne anticipava l’uscita. Rispetto al passato, dunque, più che modelli unici le show car sono di fatto delle auto già ponte e finite con le infioccatture utili per renderle più in sintonia al contesto che le vede protagoniste. Ed anche è’ il caso della Dacia Spring il crossover urbano a batteria da 3,7 metri destinato al mercato europeo. Il prototipo che si basa sulla City K-Ze di Renault (elettrica per il mercato cinese) è caratterizzato dalla colorazione esterna griglio pastello con finiture orange flou opaco e dai gruppi ottici full Led davanti e dietro.

La mascherina è totalmente chiusa vista l’assenza del motore termico, mentre la presa di ricarica si trova sul parafango anteriore destro. Per ora Dacia ha annunciato che l’autonomia sarà di circa 200 km, mentre il debutto sul mercato è fissato per il 2021 ad un prezzo molto accessibile. Molto più ambiziosa e improbabile la proposta di Renault con la Morphoz un crossover a batteria in stile Espace prima maniera che si allunga e poi si accorcia di 40 cm a seconda se viene impiegata in città o nei viaggi fuori porta per i quali è previsto un “aiutino” nel senso di superiore energia acquisita e poi restituita in apposite stazioni di ricarica.

Forme più fluide e sinuose, invece, per DS, il brand di lusso di Psa che si rinnova. Ad anticipare il cambiamento è la concept Aero Sport Lounge, un suv lungo 5 metri con una carrozzeria ricca di sfaccettature e dove risaltano il frontale alto e verticale oltre all’inusuale forma a rombo del montante dietro, sul quale finisce per sistemarsi il tetto ribassato e discendente verso il lunotto.

D’effetto anche le ruote di 23”. Tutti dettagli che ritroveremo sulle future DS. Infine l’approccio ai veicoli elettrici ha convinto molti brand ad inventare soluzioni o marchi. La Hyundai con la Prophecy ha deciso di dare al suo design una veste inedita: il risultato è una berlina-coupé dall’impatto molto sportivo. Spunti originali sono lo spoiler in materiale acrilico trasparente, le luci con pixel verticali e il logo Hyundai ridisegnato sul cofano.

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...