Real estate

Quinta Capital acquista due hotel a Cortina

L’operazione da 70 milioni perfezionata con il nuovo fondo sul settore ricettivo

di Paola Dezza

La facciata dell’hotel Savoia appena acquistato da Quinta Capital Sgr

2' di lettura

Una prima acquisizione del controvalore di 70 milioni di euro effettuata a Cortina, in vista anche delle Olimpiadi invernali che si terranno nel 2026 e che sposano la località alpina alla città di Milano.
È l’operazione appena conclusa dal team di Quinta Capital Sgr, che ha acquistato due strutture ricettive, Grand Hotel Savoia e Savoia Palace, rispettivamente cinque e quattro stelle, dalla società Fincos Costruzioni (riconducibile a Bain Capital).

L’acquisizione è stata perfezionata attraverso il fondo immobiliare Grand Investments, fondo riservato focalizzato su investimenti nel settore leisure e ricettivo che è stato appena avviato.

Loading...

L’obiettivo di raccolta è di arrivare a regime a circa 200 milioni di euro, con un rendimento atteso intorno al 5% perché il fondo sarà a lunga durata con l’intenzione di mantenere in portafoglio le proprietà acquisite.

«Stiamo guardando anche ad altre operazioni - dice Luca Turco, amministratore delegato della società e socio fondatore insieme ad altri manager -, sia nelle località turistiche sia nel centro di alcune grandi città, con taglio leisure e non business. Tra le città prescelte ci sono le classiche mete turistiche, come Roma, Firenze e Milano».

Le due strutture ampezzane sono attigue e attualmente operative, situate in una zona vicina al famoso hotel Cristallo (nel quale ha di recente investito il fondo di private equity Attestor Capital). Sono oggi gestite con il brand Radisson come hotel cinque stelle di 132 camere e residence quattro stelle di 45 appartamenti.

Gli immobili acquisiti saranno interessati da un progetto di riposizionamento e di rebranding, facendo leva anche sui preventivati nuovi investimenti che interesseranno la località turistica in vista delle prossime Olimpiadi invernali del 2026.

«Riteniamo che l’asset class ricettiva – afferma Luca Turco – offra opportunità molto interessanti soprattutto se si considerano prodotti di qualità siti in località a vocazione turistica con potenziale attrattività commerciale ancora inespressa».

E il settore hotel sta registrando in questi mesi volumi di investimento in decisa crescita rispetto a un 2020 connotato dalla crisi dovuta alla pandemia. Secondo Scenari Immobiliari l’anno si chiuderà con un fatturato di 2,5 miliardi di euro (segmento complessivo), in crescita del 150% sull’anno prima.

Quinta Capital attualmente gestisce quattro fondi immobiliari. La Sgr ha da poco lanciato il suo primo fondo di private equity attivo nel settore della sanità e del benessere.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter RealEstate+

La newsletter premium dedicata al mondo del mercato immobiliare con inchieste esclusive, notizie, analisi ed approfondimenti

Abbonati