centenario Uici

Quirinale, premio Braille a Mattarella per l’impegno in favore della disabilità visiva

Al capo dello Stato è stata offerta la Medaglia d’oro del Centenario, accompagnata da una pergamena scritta in alfabeto Braille e in caratteri ingranditi per gli ipovedenti

default onloading pic
Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, in occasione delle celebrazioni per i cento anni di fondazione dell’Unione italiana dei ciechi e degli ipovedenti, ha ricevuto al Quirinale una delegazione dell’Uici guidata dal Presidente Mario Barbuto (Ufficio stampa Quirinale)

Al capo dello Stato è stata offerta la Medaglia d’oro del Centenario, accompagnata da una pergamena scritta in alfabeto Braille e in caratteri ingranditi per gli ipovedenti


2' di lettura

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, in occasione delle celebrazioni per i cento anni di fondazione dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti (Uici), ha ricevuto al Quirinale una delegazione dell’Associazione guidata dal presidente Mario Barbuto.«Un gesto di attenzione da parte della massima autorità dello Stato - ha sottolineato l’Uici in una nota - che riconferma il legame di stima, vicinanza e affetto profondo che unisce in modo particolare la Uici alla persona del presidente della Repubblica. L’incontro ha rappresentato innanzitutto l’occasione per ricordare come il nostro Paese sia stato tra i primi ad affermare i diritti dei cittadini con disabilità visiva grazie all’adozione di provvedimenti lungimiranti, primo fra tutti il riconoscimento all’Unione della rappresentanza e tutela degli interessi materiali e morali dei minorati della vista avvenuto nel settembre del 1947».

Una medaglia d’oro e una pergamena in alfabetro Braille al capo dello Stato

Nel corso dell’incontro è stato ribadito come da allora il tessuto legislativo che regola la vita dei non vedenti è andato via via progredendo sino ai nostri giorni, tanto da raggiungere livelli di qualità ed eccellenza, anche se è ancora lontano dall’aver conseguito quella piena emancipazione sociale e civile che rimane l’obiettivo fondamentale della mission dell’Unione. «In questo percorso - ha sottolineato il presidente dell’Unione Mario Barbuto - il mondo della disabilità visiva ha sempre potuto contare sulla vicinanza solidale del Quirinale e negli ultimi anni, in particolare, del presidente Mattarella, al quale l’Unione ha voluto oggi conferire il Premio Louis Braille, massimo riconoscimento nazionale per l'impegno in favore della disabilità visiva». Al presidente è stata offerta la Medaglia d’oro del Centenario, accompagnata da una pergamena scritta in alfabeto Braille e in caratteri ingranditi per gli ipovedenti.

Loading...

Le sfide per le pari opportunità

«Nel ringraziare il presidente Mattarella per la sensibilità nei confronti del nostro mondo - ha proseguito Barbuto - vogliamo ribadire quanto resti indispensabile un impegno di tutte le istituzioni per realizzare una società fondata sulle pari opportunità per i circa due milioni di cittadini italiani ciechi o ipovedenti. Il futuro ci porrà del resto nuove sfide, come quelle legate alla pluridisabilità, chiedendoci di ripensare in modo critico e realistico alle politiche di inclusione a loro riservate».


Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti