L’irritazione del Colle

Quirinale: stupore del Colle per le interpretazioni sul ddl su non rieleggibilità e semestre bianco

Secondo alcuni commentatori tra le intenzioni di chi sostiene il provvedimento vi sarebbe anche la volontà di convincere Mattarella ad accettare una rielezione a tempo

di N.Co.

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella (Ufficio stampa Quirinale)

2' di lettura

Trapela un certo stupore dal Quirinale, per le interpretazioni emerse dopo la presentazione del disegno di legge costituzionale per inserire il divieto di rieleggibilità del capo dello Stato e la conseguente abolizione del semestre bianco. Secondo alcuni commentatori, infatti, tra le intenzioni di coloro che sostengono il provvedimento vi sarebbe anche la volontà di convincere il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, ad accettare una rielezione a tempo, fino all’approvazione della riforma. Il disegno di legge è firmato dai senatori del Pd Dario Parrini, presidente della commissione Affari costituzionali, e Luigi Zanda,

Il capo dello Stato ha più volte ribadito la volontà di non essere rieletto

Il capo dello Stato ha più volte ribadito di non essere contrario alla rielezione. «A poche settimane dalla conclusione del mio ruolo, delle mie funzioni, di presidente della Repubblica, torno qui nell'Università dove ho studiato», ha detto Mattarella pochi giorni fa, alla cerimonia di inaugurazione dell'anno accademico dell'Università La Sapienza.

Loading...

Fonti del Quirinale fanno notare anche oggi che la circostanza che in Parlamento ci si proponga di inserire nella Costituzione il divieto di rieleggibilità del presidente della Repubblica e la conseguente abolizione del semestre bianco, non fa altro che confermare quanto più volte ribadito dal capo dello Stato sull’ipotesi di una sua conferma al Quirinale. Posizione espressa più volte nell’ultimo anno, anche citando i messaggi al Parlamento dei suoi predecessori, Antonio Segni e Giovanni Leone, nei quali si manifestava l’opportunità di inserire il divieto di rieleggibilità del Presidente della Repubblica con la contestuale abolizione del semestre bianco.

Bonino: «Donne competenti ce ne sono»

«C’è un velo di ipocrisia. Penso che gli italiani si aspettino una persona competente con grande senso delle Istituzioni che sia garante della Costituzione e se è donna è meglio. Le donne competenti ci sono e non dico donna perchè è donna, ma donne competenti ce ne sono», ha detto Emma Bonino, senatrice, intervenuta nel corso della prima videodiretta Corsa al Quirinale al via da oggi sul sito del Sole 24 Ore, che inaugura il percorso di avvicinamento all’appuntamento delle elezioni del Presidente della Repubblica con un nuovo podcast “12 Presidenti” online da oggi su Audible e 24+ e che anticipa l’uscita del libro “Dodici presidenti. Vite da Quirinale da De Nicola a Mattarella” del vicedirettore del Sole 24 Ore Alberto Orioli da in edicola sabato 11 dicembre. «Gli uomini vedono le donne ma non le guardano, le sentono ma non le ascoltano. Prendete anche i Capi di Stato dell’Unione Europea: a parte la Merkel con le sue giacche colorate, sono tutti uomini e siamo nel 2021: sono sempre solo tutti uomini e uno si sente in Arabia Saudita».

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti