scuola

Scuola, quiz al pc e un po’ di lezioni: così funziona il concorso sanatoria per i precari storici

Il concorso è aperto ai precari con almeno tre anni di servizio alle spalle nella scuola secondaria, uno dei quali nella classe di concorso per la quale concorrono

di Claudio Tucci


Scuola, a settembre boom di precari in cattedra

2' di lettura

L’accordo Miur sindacati consentirà l'avvio di una nuova stagione concorsuale nella scuola italiana. Che ancora una volta apre a selezioni molto semplificate con l'obiettivo di frenare il boom di precariato in cattedra che in questi giorni, con l'avvio del nuovo anno, ha raggiunto dimensioni monstre.

Il concorso straordinario
Ma come funzionerà il concorso straordinario per almeno 24mila cattedre che entrerà in un decreto legge atteso prossima settimana sul tavolo del Cdm? Il concorso sanatoria è aperto ai precari con almeno tre anni di servizio alle spalle nella scuola secondaria, uno dei quali nella classe di concorso per la quale concorrono. Il concorso prevederà una prova computer based che si supererà con un punteggio minimo punteggio di 7/10.

PER APPROFONDIRE / Scuola, intesa sul concorso per i precari. Cattedra per 24mila docenti

Le prove concorsuali
Le prove concorsuali, conformi a una procedura di carattere straordinario rivolta a chi è già da tempo attivo sul campo, prevedono una prima prova “computer based”, con quesiti a risposta multipla; gli esiti della prova determinano la graduatoria di merito. I vincitori sono ammessi a un periodo di prova che si conclude con un orale in cui dovranno dimostrare di saper progettare e condurre una lezione. Durante il periodo di prova i vincitori, se non in possesso, dovranno acquisire i 24 Cfu con oneri a carico dello Stato. Il periodo di prova si concluderà con una prova finale nella quale gli interessati dovranno dimostrare di saper condurre una lezione. Valuterà la prova il comitato di valutazione composto anche da un membro esterno.

I docenti che non rientreranno nei 24mila posti ma conseguiranno il punteggio minimo di 7/10, se titolari di un contratto almeno sino al 30 giugno, sosterranno una prova orale selettiva abilitante. Anche in questo caso dovranno acquisire i 24 Cfu.

GUARDA IL VIDEO / Scuola, a settembre boom di precari in cattedra

In ruolo anche in regioni diverse
Sempre con l'obiettivo di limitare le cattedre vuote, l'intesa Miur sindacati prevede anche l'immissione dei vincitori del concorso 2016 e 2018, su base volontaria, in una Regione diversa rispetto a quella della graduatoria di appartenenza. In pratica, si facilita l’immissione laddove ci sono effettivamente i posti disponibili. È previsto inoltre un bando di concorso per i “DSGA facenti funzioni”, con almeno tre anni di servizio nei precedenti otto. Tale graduatoria sarà utilizzata in subordine a quella del concorso ordinario.

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...