uomo formale

Radici sartoriali e spinta innovativa, così lo stile Kiton accelera all’estero

Dall’export l’85% dei ricavi dell’azienda campana che ha chiuso il 2019 a quasi 135 milioni (+7%); in cantiere nuovi processi e prodotti sostenibili

di Ma.Cas.

2' di lettura

Passato e presente, retail e wholesale, abbigliamento classico e contaminazioni urbane. La ricetta di Kiton fa leva su concetti antitetici, ma anche su equilibri ben calibrati. E, nonostante le incertezze globali, continua a crescere: «Per noi il 2019 è stato un anno molto positivo, siamo cresciuti del 7 % e chiudiamo l’anno a quasi 135 milioni di euro di ricavi: siamo molto contenti per l’evoluzione dell’azienda e molto fiduciosi per il 2020 perchè ci sono tutti i presupposti perché il trend di sviluppo continui», spiega il ceo Antonio De Matteis. L’azienda di Arzano (Na), sinonimo di sartorialità maschile made in Italy, è fortemente sbilanciata sui mercati esteri: «Oggi la nostra distribuzione è su scala globale, vendiamo l’85% all’estero: sicuramente gli Usa sono il nostro primo mercato e quello in cui registriamo una maggiore crescita, ma anche l’Asia», continua De Matteis. Impossibile ignorare la situazione cinese: «Da un punto di vista finanziario questo blocco rappresenta indubbiamente un problema. Riteniamo però che la situazione sia destinata a risolversi e che quindi l’emergenza sanitaria ed economica rientri. Siamo fiduciosi», dice il ceo.

A conquistare un pubblico internazionale in forte evoluzione è la spinta innovativa applicata a un brand dalle radici ben piantate: «Se si rimane fermi anche solo a principi che andavano bene cinque anni fa si va male. Noi siamo cambiati molto nello spirito, nell’approccio, nello stile e stiamo raccogliendo i frutti».

Loading...

Cambiare vuol dire, per esempio, seguire le evoluzioni della società. E, nel caso di Kiton, accelerare nella “conversione” a prodotti e processi più sostenibili: «Stiamo studiando un progetto che parte nel 2021 per fare il packaging ecosostenibile o con materiali riciclati». Stare al passo con le novità è possibile anche perché, nonostante il mezzo secolo, Kiton è un’azienda giovane: «Dal 2000 ad oggi abbiamo lavorato per creare una nuova generazione di artigiani; abbiamo affrontato il tema della mancanza di maestranze in tempi non sospetti. All’epoca la nostra età media era 55 anni, oggi con grande entusiasmo posso dire che è 36-37 anni» chiosa Antonio De Matteis.

Ad esprimere al meglio il processo di ringiovanimento e rinnovamento dell’azienda è stato anche il progetto Knt, acronimo per Kiton new texture: il progetto, affidato a Walter e Mariano De Matteis, declina in chiave urbanwear il Dna dell’azienda di Arzano, utilizzando tessuti tecnici e di ispirazione sportiva. Dopo un lancio in store negli Stati Uniti nell’ottobre 2018, la collezione - venduta nei negozi Kiton di Milano, New York, San Francisco, Hong Kong e in due negozi in Cina - è cresciuta incontrando i gusti di un pubblico trasversale che include i clienti Kiton, ma anche una fascia più giovane. Tra i mercati chiave di Knt ci sono gli Usa, la Russia e l’Asia.

Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti