fino al 2 giugno

Rai, Cda: rinvio di un mese per decisione su tetto stipendi artisti

default onloading pic
(ANSA)


4' di lettura

Il cda Rai ha deciso, secondo quanto si apprende, di sospendere per un mese, fino al 2 giugno, l'applicazione della delibera sul tetto di 240 mila euro anche ai compensi degli artisti. Il tempo aggiuntivo servirà ad espletare tutti gli atti necessari per predisporre il piano richiesto dal Mise, con l'individuazione del perimetro delle prestazioni artistiche escluse dal limite di legge e dei parametri dei compensi per questa tipologia di contratti.

Le questioni sul tavolo del cda
Un Cda straordinario, quello convocato oggi a Viale Mazzini, nel quale si intende affrontare questioni di merito senza che nessuno dei consiglieri sarebbe pronto a mettere sul tavolo la richiesta di dimissioni del direttore generale Antonio Campo Dall'Orto («Finchè ci sono le condizioni per portare avanti il mio progetto - ha dichiarato il dg nei giorni scorsi - io vado avanti») alla luce delle sempre più forti le tensioni fra dg e consiglieri, emerse non solo con il bilancio non approvato all’unanimità (due i voti contrari), ma anche con i piani di produzione e di trasmissione delle reti Rai respinti al mittente (cioè al dg Campo Dall'Orto). L’ordine del giorno della discussione del consiglio odierno prevede sostanzialmente due punti. Il primo è la risposta al Mise sui tetti degli stipendi, che chiede al Cda una deroga per gli artisti. Il parere richiesto all'Avvocatura dello Stato ha confermato infatti nella sostanza la legittimità della tesi che non include nel perimetro di applicazione del limite i contratti caratterizzati da prestazioni di natura artistica.

Il nodo del tetto ai compensi
Il vertice è chiamato ora a dare una definizione di 'artista', che se per l’ambito dellospettacolo, della fiction e del cinema sembra facile, per quello dell’infotainment - ovvero nei casi di Fazio, Vespa o Giletti - lo è meno. Il direttore generale Antonio Campo Dall’Orto non ha intenzione di dimettersi, a patto che Parlamento e Governo, recependo il parere dell’Avvocatura, non impongano alla Rai di estendere il tetto agli stipendi di 240mila euro lordi annui (imposto con la legge dell’editoria del 2016 a tutti i dipendenti, consulenti e collaboratori del servizio pubblico) anche ai compensi artistici. Il 23 febbraio il cda Rai, in attesa di un parere del ministero dell’Economia sull'interpretazione della legge sull’editoria, aveva deciso che il tetto si sarebbe applicato anche ai compensi dei collaboratori e ai consulenti artistici. Ma più volte Campo Dall’Orto si è schierato contro il tetto anche per gli artisti perché «la Rai deve poter essere presente sul mercato senza limitazioni». Nell'intervista al Sole 24 Ore, il dg ha aggiunto che un’eventuale estensione del tetto ai compensi artistici «sarebbe un grave vulnus» alla libertà d’impresa dell’azienda di servizio pubblico.

Il responsabile Anticorruzione
Poi, secondo punto all’ordine del giorno del cda odierno di viale Mazzini, si dovrebbe procedere alla nomina del responsabile anticorruzione dell'azienda, posto vacante da mesi, che dovrebbe secondo le indiscrezioni essere affidato sempre all'attuale Direttore dell'Internal Auditing, Delia Gandini. La nomina segue il duro affondo di Cantone che aveva
domenica definito la Rai «il mio più grande insuccesso» durante il Faccia a faccia con Giovanni Minoli su La7. Il presidente dell’Anac in quella occasione aveva annunciato di aver trasmesso l’informativa sulle assunzioni di cui si sta valutando la regolarità alla Procura della Repubblica lamentando «risposte formalistiche» dai vertici. L'indagine riguarda il mancato utilizzo dello strumento del “job posting” nello svolgimento delle procedure di alcune assunzioni di dirigenti esterni. «L’Anac ha chiesto ulteriori precisazioni su alcune posizioni, le lettere di chiarimento della Rai sono partite nei giorni scorsi e credo che ci sarà un incontro a breve» ha dichiarato oggi la presidente della tv pubblica, Monica Maggioni, nel corso del seguito dell’audizione in commissione di Vigilanza. E ha aggiunto nel merito: «Il cda ha limitato a 55 le posizioni aziendali sulle quali interviene la nomina diretta che prescinde dal job posting. Forse sono ancora tante e le restringeremo».

Artisti Enpals fuori dal tetto
Un'ipotesi in discussione sarebbe quella di escludere dal tetto gli artisti che avevano l'Enpals quale ente di previdenza; sino al 2011, quando è stato soppresso e trasferito nell'Inps. Resterebbero soggetti al tetto, secondo quest'ipotesi, i giornalisti legati ad esempio all'Inpgi, l'istituto di previdenza dei giornalisti. L'ipotesi, insomma, sarebbe Celentano o Bolle senza tetto ai compensi, Bruno Vespa e Massimo Giletti invece sì. Ma è solo un'ipotesi. Un'altra sarebbe quella di consentire alla Rai di superare il tetto ai compensi artistici senza distinzioni ma solo nei programmi non finanziati dal canone, quelli commerciali. Un'ipotesi pericolosa per un'azienda che ha una contabilità separata tra contenuti finanziati dal canone e contenuti commerciali, che potrebbe diventare più rigida con l'approvazione della nuova convenzione (l'attuale scade a fine aprile).

Piano Informazione
Sul piano Informazione, dopo il ritiro di quello presentato da Carlo Verdelli al cda, e la sua rimodulazione da parte dello stesso direttore generale, ci sono idee diverse nel vertice aziendale. In particolare sui telegiornali di flusso, come RaiNews24, e il suo accorpamento con la Testata regionale o, secondo altri, con la nuova testata per il Web, che ancora non c'è.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti