ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùViale Mazzini

Rai, si accende lo scontro fra azienda e sindacato sulle edizioni della Tgr

Conferenza stampa di Usigrai nella sede dell’Ordine dei giornalisti a Roma. I giornalisti Rai protestano contro il no dell’azienda a un videomessaggio sindacale. Accuse anche dalla Fnsi

di Andrea Biondi

(Imagoeconomica)

4' di lettura

Tensione alle stelle nei rapporti fra Rai e sindacato interno dei giornalisti (ma non solo). Lo stop al videomessaggio sindacale con cui Usigrai puntava a sostituire il comunicato sindacale di fine Tg nelle edizioni regionali è stato stoppato dall’azienda. La risposta è stata una conferenza stampa cui hanno partecipato, insieme all'Usigrai, gli organismi di rappresentanza dei giornalisti, dalla Fnsi all'Ordine dei giornalisti alla Federazione della Stampa Romana. E i toni non sono stati per nulla concilianti. «Non è solo una vicenda che riguarda i giornalisti della Rai. E’ una vicenda grave, che non ha precedenti neanche nei momenti più bassi della Rai lottizzata», è stato l’attacco del presidente della Fnsi Giuseppe Giulietti.

Giornalisti «compattati»

La decisione presa dall'amministratore delegato Carlo Fuortes e avallata a maggioranza (4 voti favorevoli su 7) dal Cda, di cancellare le edizioni notturne dei Tg regionali, si è trasformata nel detonatore di un contrasto esacerbato dallo stop al videomessaggio. E alla fine, come sottolineato sempre da Giulietti, «l’ad Rai è riuscito nell’impresa rara di metterci tutti insieme, perché quello che sta accadendo è una ferita grave e profonda».

Loading...

Le tappe dello scontro

Cosa è successo dunque? «Il giorno 10 gennaio - spiega Daniele Macheda, segretario Usigrai – abbiamo mandato ai vertici Rai un comunicato sindacale, nello specifico un videomessaggio, strumento contemplato dal contratto, perché i telegiornali potessero mandarlo in onda. L’azienda, violando così ogni regola contrattuale, si è rifiutata per “motivi editoriali”». A peggiorare le cose è il fatto che la stessa Rai, continua Macheda, «ha indicato la data del 18 gennaio per discuterne. Il 18 gennaio e cioè una settimana dopo la nostra richiesta di evidente attualità. Ci chiediamo a questo punto se la missione dell’ad Fuortes sia interrompere le relazioni sindacali, renderle inagibili. Se così fosse, lo dica chiaramente, visto che lui è stato indicato nel ruolo di amministratore delegato del Servizio Pubblico proprio dal Governo».

I contenuti del videomessaggio

Il videomessaggio che la Rai non ha mandato in onda è in un servizio giornalistico in cui si mostra la terza edizione della Tgr dell’Emilia Romagna e del Lazio. Subito dopo, però, di fronte al muso dispiaciuto di un cagnolino, si spengono gli schermi, mentre il giornalista dice «la Rai spegne l’informazione». A seguire un pezzo dell’audizione di Fuortes in Commissione di Vigilanza Rai, mentre annuncia che le edizioni notturne dei telegiornali regionali sono state cancellate a decorrere dal 9 gennaio. «Ma non in tutta Italia – si sottolinea così nel servizio contenuto nel video-comunicato sindacale – perché solo i telespettatori della provincia autonoma di Bolzano continueranno a vedere il loro telegiornale della sera grazie ad un accordo che non consente alla Rai di cancellarlo. L’Usigrai, il sindacato delle giornaliste e dei giornalisti Rai, crede invece che l’informazione debba essere per tutti i cittadini nessuno escluso. Per questo chiediamo di riaccendere l’informazione regionale alle 22,30 con un’edizione più ricca ad un orario più comodo per voi, togliendo alla Rai l’alibi dei costi».

Ordine dei giornalisti «accanto all’Usigrai»

Un’edizione, insomma, prima che scattino le maggiorazioni notturne. Questa la soluzione proposta dall’Usigrai, ma ormai è un braccio di ferro fra le parti. «Non spetta a me intervenire sul caso specifico del videomessaggio bloccato, ma sulla vicenda dello stop all’edizione notturna della Tgr siamo dalla parte dei giornalisti, accanto all’Usigrai». Così Carlo Bartoli, presidente dell’Ordine dei Giornalisti, che ha ospitato la conferenza stampa.

Esposti in Agcom e Commissione di Vigilanza Rai

«La Rai - commenta dal canto suo il segretario della Fnsi Raffaele Lorusso – sembra voler procedere come se si volessero cancellare anni di relazioni industriali. Il tema non è come deve essere l’informazione regionale Rai, il tema è di metodo: prima di immaginare come deve essere l’informazione, bisogna ristabilire corrette relazioni industriali. L’azienda deve riconsiderare il proprio comportamento». Accanto a questo c’è un tema espresso a sua volta dal presidente Giulietti e che riguarda il contratto di servizio. «Entro 6 mesi - spiega Goiulietti – i gruppi dirigenti devono approvare piano industriale e piano di ristrutturazione. Esistono due piani nel cassetto mai sottoposti al confronto: il piano Gubitosi e il piano Salini. Allora l’ad non avrebbe dovuto tagliare la terza edizione, ma avrebbe dovuto prima convocare i sindacati per un confronto sul piano editoriale. Per questo ritengo che debba essere presentata una denuncia formale anche all’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (Agcom) e alla commissione parlamentare di Vigilanza perché c’è una alterazione dei contratti e un’alterazione di ciò che dice il contratto di servizio».

Piano editoriale Tgr in Cda

Promette di avere una coda molto lunga insomma la cancellazione della terza edizione dei Tg regionali. Intanto nella mattinata di domani giovedì 13 gennaio, il consiglio di amministrazione Rai ascolterà l’illustrazione dei piani editoriali della Tgr da parte del direttore Alessandro Casarin. Che poi nel pomeriggio farà lo stesso con i propri giornalisti che dovranno votare. Impossibile, però, aspettarsi un riscontro veloce perché la procedura è piuttosto lenta: i giornalisti inseriranno i bigliettini nelle urne presso ogni redazione regionale e poi il Cdr di ciascuna redazione sigillerà l’urna per inviarla alla sede dell’Usigrai a Roma che le aprirà e farà il conteggio. In tre o quattro giorni dovrebbe arrivare l’esito del voto sul piano di Casarin. Che allo stato delle cose, a meno di sorprese appare abbastanza scontato.

Usigrai in Commissione di Vigilanza il 18 gennaio

La questione si sposterà poi in Commissione parlamentare di Vigilanza Rai. È lì che sono stati convocati i rappresentanti dell’Usigrai (probabilmente martedì 18 gennaio). La bicamerale ha scelto di dare voce alle parti sociali su proposta del presidente Barachini destinatario di una lettera ad hoc da parte dell’Usigrai, desiderosa di esporre al Parlamento i motivi della protesta e le proprie proposte alternative al taglio dell'informazione della Tgr e del Tg sportivo di mezzanotte di Rai Sport. Un’audizione, dunque, che nelle intenzioni del presidente e della bicamerale fornirà ulteriori elementi validi anche per la successiva audizione dell’amministratore delegato Carlo Fuortes (già preventivata) sulle linee guida del piano industriale, anche in relazione alla situazione finanziaria della Rai.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti