L’operazione

Rai vende a Ipi l’ex direzione generale di Torino

Il prezzo pagato è stato di 8,1 milioni di euro e tiene conto della necessaria bonifica dall’amianto. L’acquisto è avvenuto dopo che due procedure competitive sono andate deserte

di Laura Cavestri

Torino

2' di lettura

Il gruppo Ipi ha acquistato da Rai Radiotelevisione Italiana il palazzo in via Cernaia a Torino, che è stato sede fino al 2014 della direzione generale della Rai. Il prezzo pagato per l’edificio, situato al limite del Quadrilatero Romano, è stato di 8,1 milioni di euro e tiene conto della necessaria bonifica dall’amianto. L’acquisto è avvenuto dopo che due procedure competitive indette da Rai sono andate deserte (alla negoziazione diretta hanno partecipato diversi soggetti, quindi Rai ha accettato l’offerta di Ipi).

Il palazzo, costruito nel 1966 su progetto degli architetti Morelli e Morbelli, con i suoi 72 metri di altezza e 19 livelli fuori terra, è uno dei più alti e visibili di Torino, su una superficie di 28.600 metri quadri circa. Ipi si farà carico della bonifica dell’amianto, nell’ambito di un intervento che si svilupperà dal 2022 per un minimo di 12 mesi (la durata effettiva non è al momento determinabile con precisione).

Loading...

La riqualificazione è un intervento di rigenerazione urbana, che inizia con la bonifica, prosegue con la riabilitazione strutturale (per la quale è già stato incaricato il Politecnico di Torino per una studio di fattibilità) e con un intervento di riqualificazione che consentirà di insediare diverse funzioni. La combinazione di funzioni e usi del palazzo sarà definita in dialogo con la città e con un concorso di idee che Ipi intende promuovere. «Con coraggio Ipi affronta questa difficile e impegnativa iniziativa – ha detto Vittorio Moscatelli, amministratore delegato del gruppo Ipi – consapevole dei rischi, ma anche delle proprie capacità e potenzialità, nonché della professionalità e competenza dei dipendenti e collaboratori del gruppo Ipi che sapranno gestire e condurre, nel migliore dei modi, questo impegnativo intervento di rigenerazione urbana».

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter RealEstate+

La newsletter premium dedicata al mondo del mercato immobiliare con inchieste esclusive, notizie, analisi ed approfondimenti

Abbonati