WRC

Rallye Monte-Carlo, Citroën festeggia 100 anni e 100 vittorie trionfando con Ogier

di Giulia Paganoni


default onloading pic
Afp

3' di lettura

Cento anni e cento vittorie. Citroën parte davvero forte nella stagione del centenario conquistando il gradino più alto del podio al Rallye Monte-Carlo con il nuovo equipaggio Ogier-Ingrassia su C3 Wrc, la centesima vittoria della storia del marchio francese nel Wrc.

Quattro giorni di adrenalina, concentrazione e (tanto) freddo. Sono questi gli ingredienti del Rallye Monte-Carlo, il primo della stagione 2019.

Dalla partenza a Gap fino all'arrivo a Monaco, è stato un susseguirsi di momento ad alta tensione, per la scelta degli pneumatici con le condizioni del fondo stradale molto insidiose sapendo che a dividere una posizione dall'altra erano pochi secondi.

Alla fine si è deciso tutto sull'ultima prova speciale, la numero 16 valevole anche come Power Stage. Ogier (Citroën) e Neuville (Hyundai) erano divisi solo da 0.4 secondi, praticamente un battito di ciglia. Ricordiamo che il pilota Citroën sin dalle prime battute della mattina aveva accusato qualche problema all'acceleratore. Ma questo non l'ha fermato. Verso le ore 13 è arrivata la notizia, anzi il tempo della P.S.16 (13,58 km): Neuville 4:43:00 e Ogier 4:41:12. Il francese ha vinto (ancora) la battaglia contro il belga e si è aggiudicato il primo posto assoluto con un vantaggio complessivo di 2.2 secondi.

Rallye Monte-Carlo, tutte le foto piu emozionanti

Rallye Monte-Carlo, tutte le foto piu emozionanti

Photogallery58 foto

Visualizza

Tanta l'emozione e l'adrenalina per piloti, team e spettatori. Ancora una volta ci troviamo davanti a un Campionato a livelli davvero alti e siamo solo alla prima gara.

L'atmosfera di Gap.
Le feste sono ormai passate ma a Gap l'atmosfera è ancora quelle delle scorse settimane. Luminarie e sorrisi. Tante persone (di tutte le nazionalità) per le strade anche se le temperature erano davvero basse. Ma la passione per i motori vince anche questo. Dal palco partenza fino all'assistenza, tanti gli appassionati accorsi per vedere i loro piloti preferiti dal vivo. E l'interesse si manteneva alto anche con gli aggiornamenti via radio (difficile trovare una stazione che non ne parlasse) e sui quotidiani.

Le protagoniste sono state le Wrc Plus insieme agli equipaggi che per la prima volta hanno sfoggiato la nuova divisa, quanto a strano vedere Ogier con la tuta marchiata Citroën così come anche Loeb nella sua nuova mise Hyundai.
Molto scenografica la partenza da Gap con giochi di luci, fuochi d'artificio e tante tante persone accorse per vedere la partenza della stagione e delle gara.

Equipaggi e prestazioni. Bene anche gli italiani.
Dicevamo quindi che primo è arrivato Ogier con il fido Ingrassia, che con questo risultato siglano la sesta consecutiva al Monte diventano recordman per numero di vittorie in questa prova prestigiosa. Secondo il pilota della Hyundai Neuville. E, a chiudere il podio il giovane pilota Tänak (Toyota) che domenica è riuscito ad agguantare il terzo posto assoluto scavalcando ben due posizioni, su il compagno di squadra Latvala (Toyota) e sua Maestà Loeb (Hyundai). Quest'ultimo (insieme al suo co-driver Elena) autore di qualche buona prestazione ma non ancora al top, ricordiamo che è arrivo dalla Dakar e non ha avuto modo di fare molti test a brodo della sua nuova auto: la Hyundai i20 Coupé Wrc. L'altro pilota della casa coreana, Mikkelsen, ha dovuto ritirarsi sabato dopo una toccata al posteriore.

Se da una parte in Citroën si festeggia, dall'altra bisogna fare i conti anche con il doppio ritiro del giovane pilota Lappi costretto al ritiro per un problema meccanico. I tecnici del Double Chevron però si dicono positivi dopo aver conquistato un brillante quarto posto giovedì sera.

I piloti Toyota sono stati autori di performance interessanti, Tanak terzo assoluto, Latvala quinto e Meeke sesto, quest'ultimo vincitore della Power Stage, prova che attribuisce punti direttamente alla classifica.
Infine, in Ford non ci sono stati grandi exploit con Suninen undicesimo assoluto e Tidemand ventesimo, entrambi ripartire con la formula del Super Rally.
Da sottolineare anche le ottime prestazioni degli equipaggi italiani in gara. Al diciassettesimo posto assoluto si è posizionato l'equipaggio Gamba-Arena su Ford Fiesta R5, diciannovesimo Caffoni-Minazzi su Skoda Fabia R5 e, a chiudere il podio degli italiani, ventunesimo assoluto Gino-Fappani su Skoda Fabia R5.

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...