Rally 2021

Rallye Sanremo: tutto pronto per il secondo round del Cir

Il Campionato italiano rally fa tappa sulla riviera ligure per il secondo appuntamento della stagione

di Giulia Paganoni

3' di lettura

Alte le aspettative per il 68esimo Rallye Sanremo, secondo round del Campionato italiano rally Sparco 2021. Da capogiro i numeri del maxi evento che si corre fino a domenica 11 aprile sugli asfalti della provincia di Imperia, per un appuntamento che racchiude cinque sfide (Cir, Crz, Ciras, Coppa dei Fiori e Sanremo Wrc) in una e colleziona oltre 350 vetture iscritte.

Programma e percorso del Cir

Classica gara, classico format per il campionato italiano rally Sparco che è protagonista nelle giornate di sabato e domenica. In totale 88,90 i chilometri cronometrati, divisi su 8 prove speciali immerse in 373,33 km di percorso complessivo. La prima alle ore 17.00 di sabato, la Power Stage “Bajardo” (2km) interamente trasmessa in diretta su Aci Sport TV (canale 228 Sky) sui network ufficiali della Federazione e su Rai Sport. Streaming che proseguiranno domenica nel doppio giro sui tratti cronometrati “San Bartolomeo” (11,97km), “Colle d'Oggia” (7,89km) e “Vignai” (14,23km), da ripetere prima dell'ultima “Cesio-Carpasio” (20,75km).

Loading...

I protagonisti

Massima concentrazione per gli equipaggi che si giocano la seconda delle otto gare di campionato. In testa, dopo la gara del Ciocco di apertura di stagione, l'equipaggio Albertini e Fappani su Skoda Fabia R5 Evo, che vorranno dar continuità all'ottima partenza di stagione. Il passo dovrà aumentare per gli altri come Basso e Granai, Andolfi e Savoia, anche loro sulla R5 ceca, dopo l'esordio in crescendo con le nuove vetture sugli asfalti toscani. Come un anno fa, dovranno subito rimboccarsi le maniche gli attuali campioni in carica Crugnola e Ometto, chiamati al riscatto dopo la “falsa partenza” della prova toscana. I campioni italiani in carica ci proveranno sulla Hyundai i20 R5, stessa vettura per i compagni di Hyundai Breen e Nagle, ultimi vincitori al Rallye Sanremo (2019), che vorranno cancellare subito il capottamento del Ciocco.

I nomi per il Cir Sparco non mancano, anzi si inserisce nella lotta dalla Città dei Fiori anche il figlio d'arte, già affermato nel Mondiale, Oliver Solberg. Il talento svedese, navigato da Johnston, completa il gruppo dei piloti ufficiali del team Hyundai con la sua i20 R5.

Il team di Aci Italia

Parlando di giovani talenti, non si può non menzionare i ragazzi di Aci Team Italia in cerca di affermazione, tanti sulle vetture di categoria R5 e tutti molto quotati come dimostrato al primo round. Tra questi De Tommaso e Bizzocchi, in evidenza già al Ciocco, su Citroën C3 come Pollara e Mangiarotti. Sempre alla guida di Skoda Fabia R5 Ciuffi con Gonella, Mazzocchi e Gallotti, Profeta e Raccuia. Mentre saranno su Ford Fiesta MKII Bottarelli e Pasini.

Come loro daranno un occhio alla classifica assoluta e uno a quella del Cir asfalto gli esperti sulle R5. A partire da Michelini e Perna, rispettivamente in quinta e terza posizione, che debutteranno sulla nuova Skoda Fabia Evo R5, vettura conosciuta prima dell'evoluzione. Rimangono invece su Volkswagen Polo R5 Signor e Pezzoli come Scattolon e Bernacchini.

Attenzione agli outsider

Agli equipaggi in lotta per il Campionato si aggiungono diversi outsider di assoluto livello. Vecchie conoscenze del tricolore come Campedelli e Canton sulla Volkswagen Polo R5, Chentre e Florean su Fabia R5. Ma anche altri talenti internazionali, come il boliviano vincitore del campionato italiano rally terra 2020 Bulacia Wilkinson su Fabia e il finlandese Peitarinen su Polo R5. Il francese Lefebvre su Citroën C3, dalla Repubblica Ceca i driver dell'Europeo Rally Erik Cais su Fiesta e Mares su Fabia.

Le piccole due ruote motrici

Al comando della schiera del due ruote motrici, dopo la partenza con vittoria al Ciocco, i fratelli Nucita su Peugeot 208 Rally 4 ufficiale.

Su R2 francese anche Guglielmini e Giorgio, secondi e leader della speciale classifica del campionato italiano due ruote motrici. Categoria del tricolore già affollata e ricca di talento, con 14 vetture a Sanremo, che si rafforza con gli arrivi di Santini, con Romei anche loro su 208 e di Paire con Pollicino su Renault Clio RS R3C.

Gara che si prevede intensa guardando al Campionato italiano R1, considerate le quasi quaranta vetture che potranno battersi per questa speciale classifica tricolore. In testa al gruppo vuole confermarsi Nicelli con Pieri sulla Clio Rally 5 dopo l'exploit del Ciocco. A sfidarlo nuovamente le venti Suzuki che si presenteranno anche allo start della gara ligure. Le vetture giapponesi, nelle versioni Sport Hybrid (le ibride giapponesi) e nella classica R1 sport, si batteranno anche per il secondo round della Suzuki Rally Cup. In cima alla classifica vuole la doppietta Goldoni con Macori, ma dovrà provare ad imporsi anche stavolta su equipaggi esperti come Fichera-Mazzocchi e Iani-Puliani, rispettivamente secondo e terzo della flotta gialloblù ed entrambi sulla vettura elettrificata.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti