sardegna

Rau-arte dolciaria e Lucrezio R, novità per panettoni e distillati

Le due aziende artigianali cavalcano con nuove offerte la ripresa della domanda

di Davide Madeddu

Le due aziende artigianali cavalcano con nuove offerte la ripresa della domanda


2' di lettura

Dolci e aperitivi. Dal lockdown le nuove sfide per l’industria dolciaria e quella dei distillati sardi. Nuovi prodotti, come il panettone estivo alla frutta fresca (o quello salato) e gli aperitivi alle essenze locali. La prima novità è “Istella”, stella di Sardegna, ossia il panettone con frutta fresca: pesche, albicocche o limone. A proporla, con un buon successo è la storica azienda Rau-arte dolciaria di Berchidda, con 15 dipendenti, 2 milioni e mezzo di fatturato e 80 prodotti in vendita tra marmellate, dolcetti, panettoni e colombe.

Il prodotto, andato a ruba dagli scaffali dei negozi, annovera tra gli ingredienti lievito madre e prodotti naturali. Il panettone, come chiarisce Tonino Rau, amministratore dell’azienda «vuole trasmettere dolcezza e ottimismo», sopratutto alla fine di un periodo «che ha messo a dura prova anche il sistema imprenditoriale sardo». E l’occasione per guardare «al futuro con speranza dopo tanta paura e incertezza».

Loading...

«Ora siamo pronti a ripartire, abbiamo ripreso le produzioni a pieno regime – argomenta Rau –, tutti i nostri dipendenti stanno lavorando regolarmente e questo per noi è un gran sollievo, perché sentiamo forte la responsabilità nei confronti di tante famiglie e del nostro territorio».

A viaggiare su un binario parallelo le novità della “Lucrezio R” l’azienda “sorella” che produce distillati, anche col valore aggiunto di erbe aromatiche “rigorosamente sarde”. Proprio in questo contesto sono nati i quattro aperitivi già miscelati e chiamati “dottor Koron”.

A raccontare la storia degli aperitivi le etichette delle bottiglie distribuite dall’azienda che, tra liquori, grappe tipiche, aperitivi produce oltre 30 varietà di prodotti.

La novità post Covid, nata con l’idea di esorcizzare la paura e superare il momento critico, è rappresentata da quattro aperitivi già miscelati e pronti da bere, «dalla forte impronta sarda perché le basi da cui nascono (dalla linea Isola delle Pietre) hanno tutte all’interno erbe, frutti, radici e spezie che crescono sull’isola».

I due classici sono il Negroni (miscela di gin, bitter e vermouth rosso) e l’Americano (bitter e vermouth rosso). I due contemporanei sono l’Aperisardo dalle note dolci amare (aperitivo, vermouth bianco e bitter) e l’Amaranto (amaro, bitter, aperitivo e vermouth bianco).

«I nostri aperitivi hanno tutti un’impronta sarda – dice Sebastiano Rau, amministratore di Lucrezio R– , perché è dal nostro territorio che vogliamo ripartire, per valorizzare la nostra splendida terra e dare il nostro contributo all’economia locale e regionale».

Per tutti i prodotti, commercializzati da questa estate, dopo la vendita in Italia, si apriranno ora le strade dei mercati internazionali.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti