ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùELEZIONI USA: GLI INVESTITORI DI WALL STREET

Ray Dalio contro Trump: troppo debito, così America e dollaro perderanno il ruolo di leader del mondo

Il numero uno del fondo Bridgewater si schiera a favore di Biden: «Bisogna ridurre il gap tra ricchi e poveri. Va fatto con le tasse, non stampando moneta». Timori per il futuro degli Stati Uniti: «Potenza imperiale da 75 anni, ma ora emergono segni di declino»

di Alessandro Graziani

default onloading pic
(REUTERS)

Il numero uno del fondo Bridgewater si schiera a favore di Biden: «Bisogna ridurre il gap tra ricchi e poveri. Va fatto con le tasse, non stampando moneta». Timori per il futuro degli Stati Uniti: «Potenza imperiale da 75 anni, ma ora emergono segni di declino»


3' di lettura

Come si stanno posizionando i i big di Wall Street in vista della sfida per le presidenziali Usa tra Donald Trump e Joe Biden? L’anziano Warren Buffett, finanziatore delle ultime due campagne dei democratici, stavolta non si è ancora espresso ufficialmente. George Soros è schierato contro Trump e quindi con Biden, malgrado il candidato “democrat” abbia espressamente posto tra i punti principali del suo programma una tassazione più alta per i più ricchi. «Giusto tassare i più ricchi, l'essenziale ...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti