ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùReport

Re-commerce, Asia e cosmetici: ecco dove puntano gli investitori del lusso nel 2022

Secondo la Global Fashion & Luxury Private Equity and Investors Survey 2022 di Deloitte il lusso fisico trainerà il mercato e gli investimenti. Occhi puntati anche su Medio Oriente e sulle pmi

di Chiara Beghelli

3' di lettura

Puntare su Asia e Medio Oriente, su digitale e sostenibilità, e offrire esperienze di acquisto su misura, sia nella comunicazione sia nel retail. Sono alcuni dei dati emersi dalla più recente “Global Fashion & Luxury Private Equity and Investors Survey 2022” di Deloitte, un report che analizza trend e operazioni di M&A del mercato del lusso basandosi su dati di mercato e interviste a top manager.

«Nel 2021 il settore si è ripreso sulla scia delle nuove strategie adottate dalle aziende in ambito di nuove tecnologie e del crescente impegno sui temi di sostenibilità. Nel 2022 il mercato del lusso dovrebbe accelerare ulteriormente con una crescita a due cifre e raggiungere i livelli pre-pandemici», afferma Elio Milantoni, partner Deloitte.

Loading...

Il lusso esperienziale soffre ancora

Se nei cinque anni precedenti la pandemia, fra il 2015 e il 2019, la crescita del mercato del lusso aveva fatto registrare un Cagr del +3,4% (aumentato al +6,5% se circoscritto al segmento dei beni di lusso personali), il Covid ha fermato e fatto retrocedere questo andamento, e nel 2020 il valore è diminuito del 10,5%, con alcuni segmenti notevolmente in difficoltà, come il comparto alberghiero (-53%) e le crociere (-77,7%), a causa dei lockdown globali. Gli unici settori che hanno registrato una crescita positiva sono stati l’arredamento (+4,2%), trainato dall’interesse per gli spazi domestici e dallo smartworking, e gli yacht (+3%), considerati una valida alternativa alle modalità abitative più tradizionali.

Considerando l’Ebitda margin di settore, è sceso al 15,9% (-1.5% rispetto al 2019), mentre il segmento dei Personal Luxury Goods, nonostante abbia subito un maggiore ridimensionamento rispetto all'anno prima (-2.8%), presenta un margine più elevato (22,3%). Particolarmente penalizzati sono stati, ancora una volta, i settori legati al turismo come l'alberghiero e le crociere che, in termini di marginalità, perdono rispettivamente -15,1% e -208.1%, e continueranno a essere i più colpiti anche nel 2022 dagli effetti negativi della pandemia.

Re-commerce, Asia e Stati Uniti in primo piano per gli investitori

Investimenti nel digitale e nella sostenibilità sono i più presenti nelle intenzioni dei manager, anche con formule che uniscano i due fronti come l’ampliamento dell’offerta di re-commerce (pre-loved, re-selling e rental). Per quanto riguarda i mercati, si continua a guardare con interesse alla Cina, principale motore di ripresa del mercato di beni di lusso e che secondo le stime entro il 2025 arriverà ad assorbirne il 50% delle vendite. Dal lato dell'offerta, invece, la sfida principale rimane quella di gestire l'aumento dei prezzi, dovuto principalmente all'aumento dei costi della materia prima e della manodopera.«Da un punto di vista geografico, l’Asia e gli Stati Uniti stanno trainando la ripresa del mercato con i consumatori cinesi che si confermano come i più attivi nel 2022, grazie a un mercato interno dinamico», commenta Tommaso Nastasi, partner di Deloitte.

I fondi sono i più attivi nelle operazioni di M&A

Nel 2021 sono state registrate 284 operazioni di M&A nel settore Luxury, con un lieve incremento (+7 operazioni) rispetto all’anno precedente: il segmento dei Personal Luxury Goods ha registrato più operazioni (+22 deal rispetto al 2020), in particolare grazie alla crescita di Apparel & Accessories (+23 deal), Cosmetics & Fragrances e Watches & Jewellery. Il maggiore incremento di operazioni si è registrato nel Nord America (+24), mentre ha registrato una forte contrazione la regione Asia-Pacifico (-31). I fondi di private equity e venture capital sono stati l’acquirente coinvolto nel maggior numero di operazioni (46%), mentre in termini geografici la crescita più significativa si è registrata in Nord America (+24 deal), mentre l'area Asia-Pacific ha conosciuto il maggior decremento (-31 deal). Numero record (9) quello delle società che si sono quotate durante l'anno.

Occhi puntati su Cosmetica e Fragranze

Tutti i fondi intervistati stanno considerando la possibilità di investire in asset Fashion&Luxury nel 2022, con un interesse particolarmente elevato verso i segmentiCosmetics & Fragrances (53%), Arredo (41%), Produzione di accessori e abbigliamento (32%) e Retail (29%). Come nel 2021, anche quest’anno il settore dei Personal Luxury Goods è uno dei più attraenti per gli investitori, che vogliono investire in aziende di dimensioni piccole (il 56%) e medie (38%).

Per il prossimo futuro, i fronti di investimento più seguiti sono quelli che riguardano il coinvolgimento delle generazioni di clienti più giovani, dunque il gaming e gli Nft, ma anche collaborazioni fra brand e il lancio di linee più casual. In primo piano anche la personalizzazione delle esperienze di acquisto, con campagne e negozi più mirati su target locali.


Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti