LE PREVISIONI degli economisti

Recessione, raffica di tagli al Pil. Crescita 2019 sotto allo 0,5%

di Barbara Bonomi

Dalle previsioni intermedie ai rating: il calendario delle scadenze dei conti pubblici


2' di lettura

Anche le ultime previsioni dei principali Istituti di ricerca sembrano ormai superate e ottimistiche dopo la diffusione dei dati Istat del quarto trimestre che certificano la recessione tecnica. Nel 2019, il Pil crescerà al massimo dello 0,5 per cento.

Ma è difficile che ci arrivi. Due dei tre previsori che costituiscono il panel su cui si basa l'Ufficio parlamentare di bilancio la pensano allo stesso modo: «I dati Istat mostrano che l'economia italiana ha smesso di crescere e lasciano un'eredità pesante al 2019: anche ipotizzando tutti i prossimi trimestri in crescita, difficilmente si arriverà al +0,5% che stimavamo a dicembre. Saremo tra zero e 0,5%», dice all'agenzia Il Sole 24 Ore Radiocor Stefania Tomasini, responsabile analisi economiche di Prometeia. «La crescita sarà sotto lo 0,5%, con rischi di ulteriore ribasso», aggiunge il Capo economista di CER –Centro Europa Ricerche Antonio Forte: «Siamo lontani dall'1% previsto dal Governo e anche nel 2020 la crescita sarà tra lo 0,5% e l'1% al massimo», assicura.

GUARDA IL VIDEO - Dalle previsioni intermedie ai rating il calendario delle scadenze dei conti pubblici

Domanda interna preoccupante
Secondo Tomasini di Prometeia, «l'elemento più preoccupante è l'andamento della domanda interna: l'Italia sta già vivendo peggio di altri il contesto internazionale e da questo punto di vista non possiamo aspettarci impulsi. Sul piano interno, il clima di incertezza, secondo noi, ha causato una caduta degli investimenti, che ci aspettiamo prosegua soprattutto per le costruzioni, e un ristagno dei consumi». Preoccupazione questa che condivide l'Ufficio studi di Confcommercio: «I dati di oggi rendono più che concreti i rischi di una variazione del Pil molto al di sotto delle previsioni. Di conseguenza, il reperimento di circa 23 miliardi per disinnescare le clausole Iva, che si attiverebbero dal primo gennaio 2020, diventa una sfida che il Governo deve assolutamente vincere» per scongiurare un crollo dei consumi privati.

RECESSIONE TECNICA / Che cos’è

Conti pubblici in peggioramento
L'andamento del Pil ha riflessi negativi anche sui conti pubblici, sotto stretta sorveglianza della Commissione europea. In un contesto di recessione, che potrebbe essere anche più duratura del previsto, «peggiora automaticamente anche il deficit tendenziale 2019 che viaggia già al di sopra del 2% del Pil», l'obiettivo concordato da Roma con Bruxelles, spiega Forte del CER. E anche per Tomasini di Prometeia, l'andamento del Pil «non è una buona notizia per i conti pubblici. Pur considerando che un'eventuale divergenza dai target dovuta al rallentamento non dovrebbe influire sul giudizio Europeo che valuta gli andamenti al netto del ciclo, il venir meno della crescita rende più fragile e meno sostenibile il nostro debito».

PER SAPERNE DI PIÙ / L’impatto sui conti pubblici

Occupazione in frenata
Il mercato del lavoro «è lo specchio dell'economia: c'è una frenata molto chiara dell'occupazione, la disoccupazione risale dai minimi, diminuiscono i lavoratori permanenti e aumentano quelli a termine e autonomi, che spesso nascondono precariato», osserva Tomasini, commentando i dati sull'occupazione diffusi sempre stamattina e dai quali non emergono gli effetti che il Governo ha affidato alle norme del decreto Dignità. Un mercato «anemico», per Forte, che stima un tasso di disoccupazione ancora sopra il 10% quest'anno.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti