ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùRicostruzione

Recovery: dal superbonus 110% ai progetti green, ecco il piano lunedì in Cdm. Tensione su saldi e task force

Nella bozza estensione del superbonus 110%, ai progetti green 83 miliardi, risorse anche su digitale, asili e trasporti. Iv: «Non voteremo la struttura». Malumori anche nel Pd e nel M5S

di Manuela Perrone

Recovery Fund, von der Leyen: "Con le riforme giuste, l'Italia puo' reinventarsi"

4' di lettura

Una bozza «sostanziosa» articolata in quattro capitoli: il quadro generale e gli obiettivi; le sei missioni (digitalizzazione, rivoluzione verde, infrastrutture per la mobilità, istruzione e ricerca, inclusione di genere, sociale e territoriale, salute) su cui insisteranno i 60 progetti complessivi, organizzati in 17 cluster; la governance, che si intende tradurre in un emendamento alla manovra; la valutazione di impatto sul Pil, sul recupero dei ritardi del Paese e sul rispetto dei target dell’Agenda Ue al 2030. Con tanto di budget e appostamenti.

Tensione alle stelle

Il documento di aggiornamento del lavoro sul Recovery Plan italiano approda lunedì mattina 7 dicembre in Consiglio dei ministri (convocato alle nove, poi slittato alle 11), per essere poi trasmesso alle Camere. Ma non sarà una passeggiata. La tensione è altissima.

Loading...

Sulle sorti del Cdm pende infatti il veto di Italia Viva: domenica 6 dicembre, in un vertice serale in videocollegamento convocato da Conte con i capigruppo di maggioranza, Maria Elena Boschi ed Ettore Rosato hanno abbandonato la riunione prima della conclusione. «No a inserire la struttura di governance nella manovra con un emendamento», hanno chiarito, contestando il merito e il metodo (un coinvolgimento solo a poche ore dalla riunione a Palazzo Chigi). E oggi in un'intervista a Repubblica Matteo Renzi ribadisce la sua contrarietà alla task force e avverte: «Spero che il premier si fermi prima di mettere ai voti una scelta non condivisa».

L’ex presidente del Consiglio ha detto chiaro e tondo che Italia viva in Consiglio dei ministri e in Parlamento «voterà contro ulteriori e pletoriche task force». È uno stop netto all’architettura gestionale, difesa sia dal premier Giuseppe Conte sia dal ministro dem dell’Economia Roberto Gualtieri. A Iv non piace né l’idea della struttura capitanata dai sei supermanager né il “triumvirato” Conte, Gualtieri e Patuanelli indicato come «comitato esecutivo» con la giustificazione che si tratta dei «ministeri di spesa».

Se Renzi e i suoi lo dicono apertamente, altri covano malumore senza esporsi. Un big M5S non usa mezzi termini: «La struttura non convince nessuno». I parlamentari Pd fibrillano e continuano a invocare un pieno coinvolgimento delle Camere, a partire dal capogruppo in Senato Andrea Marcucci. Anche qualche ministro storce il naso. Non a caso Gualtieri ha sottolineato il 5 dicembre come la norma sulla governance «non è un capriccio ma uno dei doveri che ci chiede la Commissione Ue». E che il team tecnico «avrà la funzione di aiutare e non di espropriare i titolari delle rispettive funzioni di spesa e di attuazione del Recovery Plan». Ovvero gli altri ministeri. Il timore che serpeggia nella maggioranza è invece proprio quello di un accentramento nelle mani di Conte e di ministri a lui vicini attraverso la creazione di una struttura parallela. «Più evidenziamo la necessità di condividere le scelte, più continua ad arroccarsi», è la diagnosi.

Dibattito sui saldi

Nasce anche da qui l’altro nodo ancora da sciogliere che sabato 5 dicembre teneva banco nelle interlocuzioni tra Palazzo Chigi e i dicasteri in prima linea: l’opportunità di indicare o meno i saldi di spesa nel documento. Perché anche sulla quantificazione delle risorse da appostare manca l’accordo politico.

Conte ha confermato la volontà di arrivare in Cdm con la proposta completa («Ci ritroveremo per approvare il budget del Recovery Fund con tutti gli appostamenti») e ha promesso un approfondimento sui 60 progetti «che sono ormai in dirittura finale». Progetti che dovranno essere assegnati tramite bandi pubblici europei. Il premier sa che deve inviare segnali rassicuranti, sia alla sua maggioranza che scalpita («Bisogna spendere bene i miliardi che arrivano dall’Europa, bisogna correre», ha incalzato il segretario dem Nicola Zingaretti) sia soprattutto a Bruxelles, dove è alta la preoccupazione.

Mix tra investimenti e riforme

Il piano sarà un mix tra investimenti e riforme, ha precisato Gualtieri. Il 40% dei fondi (83 miliardi), più del 37% che impone Bruxelles, riguarderà la transizione verde con investimenti massicci in risorse rinnovabili e sostegno allo sviluppo di nuovi settori, come l’idrogeno. Circa 15 miliardi serviranno a un vasto programma di efficientamento energetico, cablaggio e messa in sicurezza di scuole e ospedali. Per l’edilizia privata ci sarà l’estensione del superbonus 110%.
Il 20% (42 miliardi) sarà invece destinato ai progetti sul digitale, con il focus sull’innovazione nella Pa. Per gli asili nido ci saranno oltre 2 miliardi.
Sui trasporti spinta al rinnovo dei mezzi del Trasporto pubblico locale e al trasporto su rotaia, per l’alta velocità di rete e il potenziamento di alcune tratte, come la Napoli-Bari e la Palermo-Catania-Messina. E poi logistica ed elettrificazione dei porti, a partire da Genova e Trieste.

Lettera 24 Regioni a Ue, coinvolgeteci su Recovery

Intanto - con una lettera inviata il 3 dicembre scorso - 24 Regioni europee, tra cui Emilia-Romagna e Lazio, si rivolgono ai vertici Ue: «Chiediamo a tutti i responsabili delle decisioni di riconoscere il valore aggiunto del territorio per l’agenda di ripresa. In linea con il principio di sussidiarietà, le regioni dovrebbero partecipare alle discussioni della Ue sulla ripresa al massimo livello. Chiediamo di essere attivamente inclusi nella progettazione e realizzazione del Recovery e dei piani nazionali adottati per lo scopo. Chiediamo ai leader politici delle istituzioni Ue e degli Stati membri di intervenire direttamente a livello regionale».

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti