gli emendamenti delle relatrici

Pensioni di cittadinanza anche cash e stretta sui finti genitori single: come cambia il Decretone

di Vittorio Nuti


Reddito di cittadinanza: cash ai pensionati e stretta sui genitori single

3' di lettura

Una stretta contro i "furbetti" dell'Isee per «evitare comportamenti opportunistici» ed escludere dall'accesso al Reddito di cittadinanza i "finti" genitori single. È quanto prevede uno dei 14 emendamenti al Decretone su Rdc e pensioni (Dl 4/2019) depositati in commissione Lavoro e Affari sociali della Camera dalle relatrici Elena Murelli (Lega) e Dalila Nesci (M5S). L'emendamento - poi approvato nella seduta del 15 marzo - prevede che in presenza di figli minori dovrà essere presentato l'Isee che tiene conto della situazione di entrambi i genitori anche quando non siano né sposati né conviventi. L'obbligo salta se uno dei due si è sposato o ha avuto figli con altri o se c'è un assegno di mantenimento stabilito dal giudice.

GUARDA IL VIDEO / Reddito di cittadinanza: assegno cash ai pensionati e stretta sui genitori single

Domanda per il reddito anche ai patronati
Un altro emendamento del "pacchetto" depositato dalle relatrici dà la possibilità di presentare domanda per il reddito di cittadinanza, oltre che ai Caf, anche ai patronati, e non più solo per la pensione di cittadinanza come stabilito al Senato in prima lettura. L'intervento, si legge nella relazione illustrativa all'emendamento, «si pone nell'ottica della multicanalità nella presentazione delle domande di reddito e pensione ad oggi inoltrate con credenziali Spid ovvero per il tramite di Poste e centri di assistenza fiscale». La misura non ha oneri a carico della finanza pubblica: «Non è previsto un incremento del Fondo patronati per l'anno 2019», specifica la relazione.

GUARDA IL VIDEO: Reddito di cittadinanza, il primo giorno visto nei Caf e alle Poste

Non solo card: sì ai pagamenti in contanti per le pensioni di cittadinanza
Tra le novità di rilevo suggerite dalle relatrici c'è poi la possibilità di utilizzare, in alternativa alla card Rdc, «le modalità ordinarie di erogazione della pensione» per versare il Reddito di cittadinanza agli aventi diritto. Gli assegni previdenziali possono essere riscossi alle Poste o in banca, in contanti (se inferiori a 1.000 euro) o tramite accredito su conto corrente postale o bancario. Essendo la pensione di cittadinanza inferiore alla soglia dei mille euro, il pagamento potrà quindi essere, in base all'emendamento, anche cash.

Agevolazioni tariffarie per luce, acqua e gas
I beneficiari del reddito di cittadinanza potranno poi godere delle agevolazioni tariffarie già riservate alle famiglie economicamente svantaggiate: oltre a luce e gas, già previste, l'emendamento in materia delle relatrici estende il beneficio anche alle bollette del servizio idrico. Le agevolazioni, chiarisce l'emendamento, «non sono a carico della finanza pubblica», e non comportano di conseguenza maggiori oneri. Si allarga anche la platea delle persone che potranno essere coinvolte nelle politiche attive per l'occupazione previste nel programma del Reddito di cittadinanza: saranno considerati disoccupati anche i cosiddetti "working poor", cioè «i lavoratori il cui reddito da lavoro dipendente o autonomo
corrisponde ad un'imposta lorda pari o inferiore alle detrazioni» previste per il lavoro dipendente. Anche chi ha già un lavoro ma guadagna pochissimo, quindi,
potrà essere chiamato dai Centri per l'impiego e potrà ricevere una offerta per una occupazione migliore.

Recepito l'accordo Governo Regioni sui 3mila "navigator"
Il Decretone recepisce poi, grazie a un altro emendamento delle relatici, il recente accordo siglato tra Governo e Regioni sui Centri per l'impiego e i "navigator". Su questo fronte si prevede l'adozione di un Piano triennale straordinario di potenziamento dei centri, finanziato con uno stanziamento di 340 milioni di euro in tre anni. «Se delegate nell'esercizio delle funzioni con legge regionale», Regioni, Province, agenzie ed enti regionali e le città metropolitane potranno assumere, a partire dal 2020, «fino a complessive 3.000 unità di personale, da destinare ai Centri per l'impiego, e a decorrere dall'anno 2021 ulteriori 4.600 unità di personale». A questo fine sono stanziati 120 milioni per il 2020 e 304 milioni annui dal 2021.

Dall'Esecutivo pacchetto di 5 richieste di modifica
Porta invece la firma del Governo l'emendamento che consentirà l'accesso alla pensione e al reddito di cittadinanza anche ai cittadini che abbiano nel proprio nucleo familiare persone affette da disabilità. In particolare, la soglia di accesso che riguarda ciascun componente con disabilità gravi e non autosufficienza verrà innalzata da 5.000 a 7.500 euro. Ritoccata anche la scala di equivalenza che consentirà ai nuclei che hanno a carico familiari disabili di avere 50 euro in più di beneficio: la scala in questi casi passa a 2,2, e il reddito potrà così arrivare al massimo 1.380 euro. Il pacchetto di cinque emendamenti depositati dall'Esecutivo interviene poi su Anpal e assunzioni nella Pa (concorsi rapidi senza dover aprire prima le procedure di mobilità e assunzioni già a partire da luglio per il settore dei beni culturali).

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...