ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùwelfare

Reddito di cittadinanza, assunzioni al palo

A sei mesi dall’avvio, mancano il portale dedicato di Anpal per incrociare domanda e offerta di lavoro e il modello Inps per gli incentivi. Su 700mila percettori del sussidio occupabili, presentati 100.186 curricula, quasi 12 per ognuna delle 8.827 posizioni aperte dalle imprese

di Giorgio Pogliotti


Reddito di cittadinanza: ecco tutti gli acquisti vietati

3' di lettura

Assunzioni di percettori del reddito di cittadinanza ancora ferme al palo. A sei mesi dall’avvio della misura, manca il portale dedicato di Anpal che consenta l’incrocio tra la domanda e l’offerta di lavoro. E si attende che l’Inps pubblichi il modulo per consentire ai datori di lavoro di accedere all’incentivo fiscale che spetta per le assunzioni di beneficiari del Rdc.

Sul sito MyAnpal 100.186 Cv
Sul sito MyAnpal ci sono caricati 3.186 Curricula e 449 offerte di posti vacanti delle imprese, a cui vanno aggiunti i 97mila Cv e le 8.378 vacancy presenti sui sistemi regionali. Parliamo nel complesso di 100.186 Cv, a fronte di 8.827 posizioni aperte dalle imprese, per un rapporto di quasi 12 Cv per ogni posizione aperta.

Oltre 700mila percettori del Rdc considerati “occupabili”
Numeri ancora bassi rispetto agli oltre 700mila percettori del Rdc considerati “occupabili”. Questi numeri, peraltro, non sono riferiti in modo esclusivo alle domande e alle offerte di lavoro dedicate ai soli percettori del reddito di cittadinanza.

Come funzionerà la carta bimbi da 400 euro al mese

Non è ancora operativa l’infrastruttura informatica unica
Il problema è che non essendo ancora operativa l’infrastruttura informatica unica che l’Agenzia nazionale politiche attive del lavoro avrebbe dovuto costruire, l’imprenditore non è in grado di sapere quali di questi Cv riguardano i percettori del Rdc o, piuttosto, disoccupati che si sono rivolti ai centri per l’impiego. Anche sul lato delle vacancy non c’è distinzione, tra quante sono dedicate all’assunzione di beneficiari del Rdc. Anpal sta lavorando per realizzare questa infrastruttura informatica, che quando sarà operativa consentirà di collegare in rete i portali regionali per avere i flussi di domanda e offerta in tempo reale, dedicati al Rdc.

Reddito cittadinanza, fase 2: arrivano i patti per il lavoro

Qualcosa si muove sul territorio
Il forte ritardo sul versante procedurale non ha impedito che qualcosa si sia iniziato a muovere sul territorio. Come ha spiegato ai microfoni di Radio 24 il ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo, «ci sono migliaia di percettori del reddito di cittadinanza che in questi mesi sono stati inseriti al lavoro», dato che emerge dalle comunicazioni obbligatorie.

L’assenza del modello Inps
L’assenza del modello Inps scoraggia i datori di lavoro a pubblicare le vacancy sui portali territoriali dei Cpi o su MyAnpal, che è la condizione per poter usufruire del beneficio. I numeri già citati parlano chiaro. Del resto tradizionalmente il canale dei centri per l’impiego ha un ruolo residuale nell’incrocio tra domanda e offerta di lavoro: nel 2018 solo il 2,1% ha trovato lavoro nel privato tramite i Cpi .

Cosa prevede la procedura
La procedura prevede che l’incentivo venga riconosciuto a tutti i datori di lavoro privati che abbiano comunicato i posti disponibili vacanti in azienda alla piattaforma dell’Anpal. Per conoscere l’ammontare e la durata del beneficio spettante, il datore di lavoro deve inoltrare all’Inps, tramite un modulo di istanza on-line, la domanda di ammissione all’agevolazione. In assenza di questo modulo, l’imprenditore che aprisse e chiudesse una vacancy in seguito ad un’assunzione di un percettore del Rdc non potrebbe chiedere l’incentivo. Vale la pena ricordare che alle imprese che assumeranno con contratto di lavoro a tempo pieno ed indeterminato soggetti beneficiari del Rdc è riconosciuto uno sgravio contributivo fino ad un massimo di 780 euro al mese, pari alle mensilità di sussidio non ancora fruite dal neo assunto, con un minimo di 5 mesi che corrispondono a 3.900 euro se si assume un beneficiario del reddito pieno (la durata massima è 18 mesi).

Fase 2 del reddito in ritardo
Più in generale è tutta la “fase 2” del reddito di cittadinanza che tarda a partire. Un primo monitoraggio reso noto dalla coordinatrice degli assessori regionali al lavoro Cristina Grieco al ministro Catalfo parlava di 200.795 beneficiari convocati in tutta Italia dai Cpi - circa un terzo non si è presentato - e 69.234 colloqui effettuati. Il dato sui Patti di servizio sottoscritti presso i centri per l’impiego va aggiornato dai precedenti 49.896 a circa 70mila. Di questi 18mila riguardano la Sicilia, oltre 15mila la Campania, 9.400 il Piemonte, 7mila la Toscana, 5.700 la Lombardia e 5.346 il Lazio. Coinvolgono, dunque, solo un decimo della platea di percettori del Rdc occupabili.

Reddito cittadinanza, Inps: accolte 982mila domande, 415mila quelle respinte

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...