contro la povertà

Reddito di cittadinanza, rischio caos con la partenza ad aprile

di Davide Colombo


Manovra: tutti i ripensamenti su pensioni, fisco e reddito di cittadinanza

2' di lettura

Immaginare di introdurre il Reddito di cittadinanza da aprile in totale discontinuità rispetto al programma nazionale in corso, ovvero il Reddito di inclusione (Rei), porterebbe al caos. È quanto sostiene l’Alleanza contro la povertà in un documento diffuso il 4 dicembre in cui si lamenta, tra l’altro, la mancanza d’interlocuzione con il governo nonostante le ripetute richieste di incontro. Se si procedesse nella linea indicata finora «non solo si azzererebbe il lavoro faticosamente svolto con l’introduzione del Rei, ma si assegnerebbero ai Centri per l’Impiego compiti di cui oggi non sono in grado di farsi carico», scrive nel suo appello l’Alleanza, un’associazione indipendente che raccoglie 38 soggetti, rappresentanze dei comuni, delle regioni e dei sindacati.

Il nodo dei servizi sociali comunali
Le critiche sollevate nel documento sono sul disegno di una politica pubblica attesa da oltre 30 anni ma che rischia di mancare i suoi obiettivi lasciando il conto sulle spalle delle generazioni future. Se il target sono i 5 milioni di poveri assoluti - spiega l’Alleanza - allora bisogna tenere conto dei bisogni complessivi di questi poveri, bisogni che non sono a una dimensione e non si risolvono «solo» puntando sulla loro occupabilità. Nei paesi europei con minore disoccupazione e Centri per l’impiego ben più strutturati - si sottolinea - le misure contro la povertà sono riuscite nel migliore dei casi a condurre direttamente a un lavoro stabile il 25% dei beneficiari. Secondo l’Alleanza a livello locale gli unici attori a detenere le competenze necessarie per affrontare la multidimensionalità della povertà sono i servizi sociali comunali, per questo si propone di partire dal Rei senza stravolgerne l’impianto ed estendendolo fino a intercettare chiunque si trovi in povertà assoluta.

Le domande di Rei accolte? Il 47,7% del totale
Il rodaggio in corso ha portato a risultati che da soli dicono la difficoltà di implementare politiche come questa: secondo i dati Inps le domande Rei presentate al 30 settembre 2018 sono 787.982, poco meno del 50% dei nuclei stimati da Istat in situazione di povertà assoluta, e quelle accolte sarebbero 375.799, pari al 47,7% del totale. Potenziare i Centri per l’Impiego va bene a patto che facciano il loro lavoro senza sostituirsi ai Comuni nel coordinamento complessivo della misura, insiste l’Alleanza.

I rischi di «una riforma della riforma»
Insomma, volere a tutti i costi una «riforma della riforma» è sbagliato. Non solo. Benché un incremento degli stanziamenti sia necessario sin dal prossimo anno, dice ancora l’Alleanza, è sconsigliabile portarlo subito ai circa 5,8 miliardi annui aggiuntivi necessari per rispondere adeguatamente a tutti i poveri. «Il Reddito di cittadinanza, qualunque sia la forma definitiva che prenderà, si basa su un mix di contributi economici e progetti personalizzati costruiti dai servizi territoriali, innanzitutto Comuni e Centri per l’Impiego; entrambi però non sarebbero in grado, in così breve tempo, di elaborare progetti per tutta la popolazione di riferimento». Per questo illudersi di arrivare già nel 2019 ad ogni povero può produrre solo «confusione» con il rischio di portare il Reddito di cittadinanza «sullo stesso piano di un mero contributo economico, danneggiandone la credibilità».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...