ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùi compiti dei nuovi «coach»

Reddito di cittadinanza, toccherà ai navigator controllare i requisiti

di Claudio Tucci


Reddito di cittadinanza: i nuovi navigator saranno assunti con contratto di collaborazione

2' di lettura

La call per selezionare i 6mila navigator non è ancora stata pubblicata sul sito di Anpal; ma già per questi “coach”, chiamati ad affiancare, passo passo, i disoccupati percettori di reddito di cittadinanza nella ricerca attiva di un impiego, si moltiplicano i compiti. Almeno stando a quanto dichiarato nei giorni scorsi, durante una trasmissione televisiva andata in onda su La7, dalla deputata 5S, Vittoria Baldino, che ha evidenziato come i navigator, appunto, tra le loro incombenze, avranno anche quella di «segnalare anomalie nella gestione del processo».

PER SAPERNE DI PIÙ / DOSSIER REDDITO DI CITTADINANZA
PER SAPERNE DI PIÙ / Lavoro, tra navigator e quota 100 il gran ritorno del posto statale

Il riferimento è probabilmente a quelle «reticenze» o «irregolarità», eventualmente riscontrate nella fruizione del sussidio che, decretone alla mano, fanno scattare sanzioni, anche penali, fino ad arrivare alla decadenza e alla revoca dell’assegno.

In base all’articolato, è l’Inps il soggetto preposto dal Legislatore alla verifica del possesso dei requisiti (prima di accordare il reddito di cittadinanza - l’adempimento va espletato entro cinque giorni dalla comunicazione dell’istanza da parte dell’interessato); e quindi, è ipotizzabile che il navigator “sceriffo” debba segnalare all’Inps le eventuali «anomalie».
Sulla questione, nella stessa trasmissione, è intervenuta anche Cristina Grieco, assessore al Lavoro della regione Toscana e coordinatrice degli assessori regionali al lavoro, che ha evidenziato come le professionalità presenti nei centri per l’impiego non abbiano, tra la loro competenze, quelle «di controllo», specie su abitudini o stili di vita (per i controlli poi ci sono gli ispettori).

GUARDA IL VIDEOFORUM / I navigator saranno assunti con contratto di collaborazione

Competenze a parte, i 6mila navigator rappresentano una fetta del piano di potenziamento delle politiche attive targato governo Conte, che prevede anche 4mila assunzioni presso i centri per l’impiego, per un totale, quindi, di 10mila nuovi ingressi (tra marzo e aprile). La selezione per i navigator si annuncia molto snella, per titoli e colloqui. È richiesta una laurea magistrale in economia, giurisprudenza, sociologia, scienze politiche, psicologia e scienze della formazione (l’esecutivo si attende 50/60mila domande). Per i vincitori scatterà un contratto di collaborazione di 24 mesi (con l’impegno a stabilizzarlo, reperendo nuove risorse) e una retribuzione di 30mila euro lordi l’anno.

Riproduzione riservata ©
Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...