L’imprenditore

Renato Cifarelli: «Harleysta per gioco e buonumore»

di Giulia Crivelli


default onloading pic

3' di lettura

Fan di Bruce Springsteen e Harleysta. Come il Boss. Ma anche imprenditore e, da pochissimo, felicemente nonno. «Il film Easy rider l’ho visto per la prima volta quando ero molto giovane e con la musica di Springsteen sono cresciuto. Ma ho scoperto l’Harleysta che c’è in lui solo leggendo la sua autobiografia e ora lo ascolto ancora più volentieri».

Renato Cifarelli è entusiasta della vita e del lavoro per natura, ma parlando di moto si infiamma, come capita quando si racconta delle proprie passioni. «Sono del 1960, insieme a mio fratello gestisco un’azienda di macchine per giardinaggio che dà lavoro a 60 persone ed esporta in cento Paesi – racconta –. Per restare competitivi in Italia e all’estero occorre essere resilienti e posso dire che la maggior parte del mio tempo e del mio impegno viene assorbito dall’azienda. Non significa non trovare spazi per fare altro, anche perché un imprenditore che si chiudesse nel suo ufficio a raccontarsi quanto è bravo secondo me non avrebbe un gran futuro. Oltre agli affetti e alla curiosità che mi spinge a esplorare altri mondi, anche solo con la testa, per me tempo libero significa Harley-Davidson».

La prima moto del mitico marchio americano Cifarelli la acquistò nel 2004, oggi ne ha più d’una e appena riesce, quasi sempre nel week end, si unisce ad altri amici Harleysti per raggiungere uno dei tantissimi raduni in calendario tutto l’anno. «Si dice che bambini e adulti abbiano la stessa voglia e un identico bisogno di giocare e che cambi solo il costo degli oggetti del desiderio – aggiunge Cifarelli –. Sono d’accordo: le Harley sono giocattoli costosi e come per ogni gioco degno di questo mondo, è più bello se si fa in compagnia: per questo parliamo di Harleyisti ed è nato persino un codice estetico per riconoscerci, a partire dalla barba a punta,naturalmente».

L’aspetto ludico lo coglie e incoraggia da sempre la casa madre, che invita i concessionari di ogni Paese a organizzare i locali “club” di Harleyisti, per rafforzare la fedeltà al marchio e, ancora di più, a un certo modo di vivere. «Tenere la moto in garage, come un trofeo, per un Harleyista non ha senso. Usandola tanto, vinciamo tutti: noi proprietari ci divertiamo, i concessionari ci riforniscono di gadget e tagliandi e, perché no, ci fanno venire voglia di una nuova moto, oltre che di tenere in salute quella che già abbiamo – spiega l’imprenditore-motociclista –. Alla Borsa di New York, il titolo Harley Davidson lo trovi sotto la sigla HOG, che sta per Harley Owners Groups, gruppi di proprietari di Harley, ma che è anche il soprannome dato alle nostre moto negli Stati Uniti». Harley-Davidson nacque a Milwaukee, midwest americano, nel 1903. Nel 2018 i ricavi hanno sfiorato i 5,8 miliardi di dollari, con un utile di quasi 2 miliardi. I prezzi partono da circa 10mila euro per arrivare a oltre 50mila, costi ai quali si aggiungono spesso gli accessori e l’abbigliamento. «Bruce Springsteen dice che quando il suo umore è davvero nero, l’unica cosa da fare per risollevarlo è un giro sulla sua Harley. Vale anche per me: il giocattolo è costoso, è vero. Ma il piacere che dà non ha prezzo», conclude Cifarelli.

    Brand connect

    Loading...

    Newsletter

    Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

    Iscriviti
    Loading...