Nuova versione E Tech Hybrid

Renault Captur, il suv compatto adesso è anche ibrido

di Corrado Canali

2' di lettura

La Renaul Captur , prosegue nella sua strada di elettrificazione: dopo la Phev (Plug-in), arriva anche la full hybrid, l’ibrido “normale” che battezzata Captur E-Tech Hybrid si va ad inserisce in un settore in grande crescita e che in ereditando il powertrain dalla Clio punta ad utilizzatori di modelli a ruote alte, ma a caccia di consumi contenuti e senza dover ricorrere ad una presa elettrica per ricaricare le batterie. Le misure si confermano quelle di sempre, con una lunghezza 4,23 metri. Quanto al design, il frontale ripropone il recente linguaggio stilistico, con la grande calandra che si abbinata a gruppi ottici full-Led, mentre dietro, coi fanali a sviluppo orizzontale richiama le forme di quelli anteriori.

A garantire un tocco fuoristradistico al nuovo modello ci pensano gli ampi fascioni in plastica nera che corrono tutt’intorno alla carrozzeria e le piastre di protezione in plastica nella parte bassa dei paraurti. Con questa variante debutta, inoltre, anche l’allestimento RS Line, già introdotto col suv-coupè Arkana e che offre dei tocchi sportivi tra cui l’inserto nel paraurti che richiama l’ala frontale delle monoposto di Formula 1, lo scudo posteriore e scarichi specifici, cerchi in lega da 17 pollici e le finiture in rosso al di fuori e dentro l’abitacolo.

Loading...

La disponibilità di un powertrain ibrido non ha però compromesso l’abitabilità. Si viaggia comodi anche dietro e il vano di carico conferma la capacità dai 440 litri di base fino ai 536 litri scorrendo in avanti il divano fino a 16 cm.

Sul fronte tecnologico, la Captur E-Tech Hybrid offre un infotainment con schermo fino a 9 pollici (dimensioni giusta per un’auto moderna) con una grafica piuttosto chiara e una logica di funzionamento intuitiva. Inoltre offre l’indispensabile compatibilità con Android Auto ed Apple CarPlay.A ciò si aggiunge il quadro strumenti digitale con grafica che invece è personalizzabile da cui si tiene sotto controllo il funzionamento dell’ibrido. La motorizzazione ibrida, poi, fa tutto da sola. L’abbinamento fra un motore 1.600 cc aspirato a benzina, due motori elettrici e un cambio automatico privo di frizione e di sincronizzatori e dotato di soli quattro rapporti, consente di garantire dei consumi medi di circa 5 litri/100 km e una predisposizione per la guida urbana che ipotizza uno sfruttamento ideale della parte elettrica per l’80%. Non a caso durante il test di guida gli interventi del 1.600 termico sono stati limitati ai tratti più scorrevoli, con medie da computer comprese tra 6,2 e 6,4 litri per 100 km.

La nuova Captur E-Tech Hybrid 145 si va ad inserire nell’offerta di Renault fra la versione 1.300 cc TCe mild-hybrid da 140 cavalli e la E-Tech Plug-In, con un range di prezzi che vanno da 25.750 euro per l’allestimento d’attacco, lo Zen fino ai 31.300 della più ricercata e esclusiva versione Initiale Paris, passando per i 27.650 euro della Business, i 27.300 euro della Intens e soprattutto i 28.700 della R.S. Line, la variante che potrebbe diventare la più richiesta sia per le tante dotazioni previste che per il rapporto fra proposta e prezzo.

La nuova versione full hybrid della Captur è già disponibile presso la rete di vendita nazionale di Renault.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti