AUTO

Renault, Governo francese pronto a ridurre la sua quota


Fca-Renault, ecco perché è saltato l'accordo sulla fusione

2' di lettura

Il Governo francese è pronto a ridurre la sua quota del 15% in Renault. Lo ha detto il ministro delle Finanze Bruno Le Maire, in visita in Giappone per il G-20. La mossa potrebbe servire a consolidare l’alleanza della casa automobilistica con Nissan. Le dichiarazioni di Le Maire seguono il brusco stop, la scorsa settimana, di una proposta di fusione di 33 miliardi di euro a Renault da parte di Fiat Chrysler (FCA).

«Possiamo ridurre la partecipazione dello Stato nel capitale di Renault - ha detto il ministro - Questo non è un problema se, alla fine del processo, avremo un settore automobilistico più solido e un'alleanza più solida tra le due grandi case automobilistiche Nissan e Renault», ha dichiarato all'Agence France-Presse. Fonti vicine a Nissan interpellate dal Financial Times hanno detto che questa non è la prima volta che il governo francese ha sollevato la possibilità di ridurre la sua partecipazione, senza però andare fino in fondo.

SCOPRI DI PIÙ / Lo zampino di Psa dietro la rottura Fca-Renault

Anche funzionari del governo francese hanno precisato che il ministro non parla di una riduzione «imminente» della partecipazione. Il crollo della proposta di fusione con FCA ha messo a nudo la tensione tra Renault e Nissan e un crescente senso di urgenza a Parigi che deve agire rapidamente per sostenere l'alleanza.

SCOPRI DI PIÙ / Fca, si riapre il toto partner: tre ipotesi sul tavolo

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti