ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùAutomotive

Renault vende ai cinesi di Geely un terzo della sua unità sudcoreana

Transazione da circa 200 milioni di dollari. I cinesi vogliono entrare in forze nel mercato del Sud Corea

Megane e-tech electric, sfida di Renault alla decarbonizzazione

1' di lettura

Renault venderà un terzo di Renault Korea, sua unità sudcoreana, alla cinese Geely Automobile Holdings per circa 200 milioni di dollari mentre cerca di concentrarsi sui suoi mercati principali e sul business dei veicoli elettrici.
La casa automobilistica francese ha accelerato i suoi piani per aumentare i margini di profitto e dividere la sua attività di veicoli elettrici per raggiungere rivali come Tesla e Volkswagen nella transizione verso auto più ecologiche.
Renault venderà una partecipazione del 34,02% in Renault Korea per 264 miliardi di won (207 milioni di dollari) emettendo 45,4 milioni di azioni a 5.815 won per azione a Centurion Industries, un’unità di Geely, come risulta da comunicazioni di entrambe le società avvenute il 10 maggio.

Per i cinesi l’obiettivo è il mercato sudcoreano

L’accordo consente a Geely di entrare nel mercato automobilistico sudcoreano, attualmente dominato da Hyundai Motor e dalla sua affiliata Kia. Con una partecipazione in Renault Korea, la casa automobilistica cinese può inoltre avere un migliore accesso alle batterie per veicoli elettrici sudcoreani prodotte da LG Energy Solution, SK On e Samsung SDI.L’accordo arriva in un momento in cui si diffondono rumours secondo cui Renault, il maggiore azionista di Nissan Motor, potrebbe ridurre la sua partecipazione nella società giapponese. Attraverso una partnership, Renault e Geely stanno sviluppando veicoli ibridi per il mercato sudcoreano da produrre nello stabilimento Renault di Busan.

Loading...


Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti