ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùdentro la chat del pd

Renzi «ha abbandonato il gruppo»: prima scissione Whatsapp della storia

Quasi nessuno degli oltre 110 deputati Dem eletti nel 2018 può dire di non essere stato renziano. E così, nella chat collettiva del partito, dalla notte tra lunedì e martedì si susseguono i messaggi di addio di chi lascia. E le frecciatine di chi resta

di Emilia Patta


Matteo Renzi, da Prodi all'uscita dal Pd

3' di lettura

Quella che si sta consumando in questi giorni, con l’uscita di Matteo Renzi dal Pd seguito – per ora – da 26 deputati e 15 senatori è sicuramente la prima scissione della storia politica che avviene via Whatsapp. «È la notte in cui gli amici e i compagni con cui hai lavorato molti anni abbandonano le chat dove discutevano di politica», avvertiva pubblicamente su Twitter il martedì dell’annuncio di Renzi in tv Emanuele Fiano. Renziano storico ormai ex, ca va sans dire.

GUARDA IL VIDEO. Renzi, da Prodi all’uscita dal Pd

Il pianto di Anna Ascani
Perché quasi nessuno degli oltre 110 deputati Dem eletti nel 2018, quando Renzi era segretario, può dire di non essere stato renziano. In fondo non può dirlo neanche Paolo Gentiloni, ora migrato a Bruxelles con beneficio dell’Italia come commissario agli Affari economici: prima della rottura avvenuta durante il suo mandato a Palazzo Chigi come successore di Renzi, Gentiloni è stato uno dei renziani più convinti. Come Lorenzo Guerini, Luca Lotti, Stefano Ceccanti, Alessia Morani, Anna Ascani: renziani doc fino a qualche settimana fa e alcuni di loro fino a due giorni fa. Ormai ex, certamente dopo una scelta dolorosa e per alcuni anche lacerante (Ascani ha detto di aver pianto tutta la notte).

L’onorevole ha abbandonato il gruppo
Basta leggere il messaggio mandato nella chat collettiva dei deputati Dem «Pd 2018» da Patrizia Prestipino, fino alle 21 di mercoledì sera in forse su se andare o restare: «Il Pd è casa mia, anche nei momenti più difficili per me. Tanto più ora che è la comunità del Pd ad essere in difficoltà. Ho appena finito una assemblea difficile con i miei, ma conto di riuscire a tenere dentro tanti dei miei. Sulla base di quanto di bello, in questi anni, abbiamo costruito a Roma insieme nel e per il Partito democratico. Buon lavoro a tutti noi. Guardiamo avanti, Con sensibilità e lungimiranza». Insomma, alla fine Prestipino resta. Proprio mentre via via arrivano sulla chat i messaggi di saluto di chi parte e, come avviene a tutti noi nelle chat dei genitori quando finisce il ciclo scolastico o un ragazzo cambia scuola, appare la scritta: «Ha abbandonato il gruppo».

Una separazione (forse) consensuale
Maria Elena Boschi, Ettore Rosato, Michele Anzaldi hanno «abbandonato il gruppo». Eccolo, il messaggio della «madrina» del renzismo: «È arrivato il momento di salutarci. Ho avuto modo di parlare con molti di voi spiegando i motivi della mia scelta. A tutti e a tutte, qui, vorrei dire grazie per il cammino che abbiamo percorso insieme. Abbiamo combattuto delle buone battaglie e molte le abbiamo vinte insieme. Ho incontrato persone perbene, competenti e appassionate. I legami personali restano, così come la stima, anche se le strade politiche si dividono. Un abbraccio e un grande in bocca al lupo», scrive Boschi. A leggere le parole di Boschi in chat, così come ad ascoltare lo stesso Renzi («Me ne vado senza rancore, il Pd è stata la mia casa per tanti anni, Zingaretti è un amico, me ne vado in allegria»), sembrerebbe una separazione tranquilla. Di quelle che talvolta decidono di fare le coppie che si vogliono ancora bene ma che si sono allontanate per i differenti percorsi della vita.

Quelli che restano
Eppure tutti sappiamo che raramente le separazioni sono indolori. E il volare degli stracci è sempre dietro l’angolo. Basta ascoltare gli ex renzianissimi Fiano («Secondo me fate un errore grande, buon viaggio, non penso giocherete con il futuro del Paese, ma se fosse trovereste in noi un avversario») e Guerini («Sono molto dispiaciuto e molto amareggiato… Mi auguro che chi aveva l’ambizione di cambiare il Paese ora non abbia ripiegato sulla voglia di cambiare i consigli di amministrazione delle aziende partecipate… Se si andrà verso il proporzionale dovrà essere fissata una soglia di sbarramento significativa per evitare la polverizzazione del sistema politico») per avere la riprova che i grandi amori raramente finiscono senza strascichi. D’altra parte gli oltre 20 «ha abbandonato il gruppo» giunti in queste ore sulla chat collettiva dei deputati Dem ne sono una testimonianza tanto moderna quanto plastica.

Riproduzione riservata ©
  • default onloading pic

    Emilia Pattacapo servizio

    Luogo: Roma

    Lingue parlate: inglese, francese

    Argomenti: storia dei partiti, teoria politica, diritto parlamentare, diritto costituzionale, sistemi elettorali

Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...